Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, l'attivista Vaccaro resta in carcere
Sentenza Tar: «Prevale il diritto alla salute»

Si svolgerà domani mattina alle 11 il processo per direttissima a carico dello storico pacifista arrestato ieri a Gela per aver colpito un'auto della polizia durante le celebrazioni per il 70° anniversario dello sbarco degli Alleati in Sicilia. Un video degli attivisti mostra il momento del fermo. Resta alta la tensione dopo la sentenza del tribunale amministrativo che sottolinea il primato del diritto alla salute dei niscemesi. Intanto, il giornalista Antonio Mazzeo rivela una nuova irregolarità: i lavori al Muos sarebbero iniziati tre anni prima del rilascio delle autorizzazioni da parte della Regione. Guarda il video

Salvo Catalano

Turi Vaccaro, lo storico pacifista arrestato ieri a Gela durante le celebrazioni per il settantesimo anniversario dello sbarco degli Alleati in Sicilia, subirà un processo per direttissima domani mattina alle 11. Nel frattempo resta in carcere accusato di aver colpito con calci e pugni un'auto della polizia, su cui sarebbe anche salito con i piedi, che prestava servizio sul lungomare dove si teneva la parata militare.

http://youtu.be/vEhjtg8mNiU

Il video di uno degli attivisti, pubblicato sul canale Antenne 46 di Youtube, mostra come Vaccaro venga immediatamente sbattuto a terra da alcuni agenti, ammanettato e trascinato sulla volante, mentre altri membri dei comitati presenti tentano invano di bloccare la polizia. Seguono momenti di tensione. Vaccaro, con il suo immancabile flauto e sempre a piedi nudi, era sfilato pochi minuti prima davanti a una fila di carabinieri, con il passo di marcia e cantando ironicamente una delle canzoni simbolo dell'espansionismo fascista in Etiopia, Faccetta nera.

Da ieri il pacifista, già arrestato ad aprile per essersi arrampicato su una delle antenne della base Usa di Niscemi dove è in costruzione il Muos, è in sciopero della parola. Gli è stato assegnato un avvocato d'ufficio, ma a difenderlo, su richiesta degli attivisti, potrebbe essere il legale Luigi Cinquerrui, vicino ai comitati. Domani mattina alle 10, un'ora prima del processo per direttissima, ci sarà un presidio davanti al commissariato di Gela.

Non si spegne intanto l'eco della sentenza del Tar di Palermo che ha respinto il ricorso del Ministero della Difesa contro la revoca delle autorizzazioni del Muos decise dal governo Crocetta. Tra i motivi, i giudici sottolineano come si debba rispettare «la priorità e l'assoluta prevalenza in questa materia del principio di precauzione, nonché l'indispensabile presidio del diritto alla salute della comunità di Niscemi, non assoggettabile a misure anche strumentali che la compromettano seriamente, fino a quando non sia raggiunta la certezza assoluta della non nocività del sistema Muos». E ricordano anche «i seri dubbi in ordine all'incidenza e alla pericolosità del sistema sul traffico aereo della parte orientale dell'Isola, per gli aeroporto di Comiso, Sigonella e Catania».

Nel frattempo emerge un'altra presunta irregolarità nella costruzione dell'impianto militare di telecomunizioni. Il giornalista e attivista Antonio Mazzeo rivela come i lavori al cantiere della base Usa di Niscemi iniziarono già nel 2009, cioè tre anni prima che la Regione Sicilia, allora governata da Raffaele Lombardo, rilasciasse le autorizzazioni necessarie. Le stesse che Crocetta poi revocherà e che sono state alla base del ricorso al Tar.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews