Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giustizia, in città raccolta firme annunciata e mai partita
Niente moduli, ma per la Lega «è una scelta per fare bene»

Matteo Salvini sprona i militanti ma a Catania chi si avvicina per firmare viene mandato indietro. Problemi organizzativi? «Si parte a giorni, vogliamo prima sensibilizzare le persone», prova a spiegare il coordinatore giovanile Alessandro Lipera

Code per le firme al mercato di Cinisello Balsamo, in provincia di Milano. Seimila adesioni in poche ore in Lombardia e, a Sud, 2000 sottoscrizioni in Campania. Sono i primi numeri della campagna per il referendum sulla Giustizia lanciata dalla Lega di Matteo Salvini con il partito dei Radicali. «Se si raggiungono già in questo week-end la metà delle firme necessarie vuol dire che la gente è pronta», dice il leader del Carroccio. Che però non potrà contare su Catania, dove al momento il contatore delle firme è fermo a zero. E non per il disinteresse dei cittadini: quanti, già pochi minuti la presentazione del banchetto allestito davanti villa Bellini, volevano sottoscrivere la petizione sono stati rimandati indietro. Colpa di un problema ai moduli, secondo quanto spiegato informalmente anche a giornalisti e operatori presenti all'inaugurazione.

Una questione insuperabile, considerato che le firme per le leggi di iniziativa popolare, per essere valide, devono essere apposte su appositi moduli preventivamente vidimati dal Comune in cui si svolge la raccolta e possono essere utilizzati solo in quel territorio. Così l'avvio della campagna a Catania, in concomitanza con altri 3000 banchetti in tutta Italia, si è trasformata in una presentazione alla stampa per poi chiudere bottega. Tra i presenti, il consigliere comunale Emanuele Nasca e l'assessore del Comune di Catania alla Protezione civile Alessandro Porto, quest'ultimo coordinatore provinciale della Lega. Nella foto di rito anche il sindaco di Motta Sant'Anastasia e vice coordinatore regionale del Carroccio Anastasio Carrà e il coordinatore giovanile Alessandro Lipera.

A domanda diretta, però, seppur con qualche tentennamento, i protagonisti spiegano che il rinvio catanese sarebbe in realtà una scelta. «Oggi abbiamo presentato la raccolta firme alla città - replica Lipera contatto da MeridioNews - Lunedì usciremo con un calendario per la raccolta firme il prossimo fine settimana a Catania e provincia. Vogliamo fare una cosa oleata, perché ci vuole un vero coinvolgimento della cittadinanza anche sensibilizzando sul tema». E i moduli che mancano? «Abbiamo inoltrato la richiesta al Comune e verranno vidimati in settimana, per fare le cose bene», continua. Facile pensare a un semplice ritardo organizzativo che ha fatto saltare l'avvio della campagna, ma per Lipera «ognuno organizza i banchetti come meglio crede, diciamo, in base al territorio». 

Una scelta in controtendenza con il resto dell'Italia e, forse, così avanti che si teme non venga compresa. Tanto che sulla pagina Facebook Lega Sicilia Salvini Premier si sorvola sulla questione e, in un post, si legge: «Sono già molte le firme raccolte questa mattina nei gazebo di Caltanissetta, Catania e Santo Stefano Quisquina», con annessa fotografia del temporaneo banchetto etneo. «Come si dice a Catania, vogliamo fare le cose col miccio (per bene, ndr)». Ma con calma.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×