Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

CalcioCatania, Sportitalia rivela la vendita
Pulvirenti: «Deliranti illazioni, vi denuncio»

E' il giornalista Michele Criscitiello ad annunciare, ieri, durante la trasmissione Aspettando il calciomercato sull'emittente tv sportiva, la presunta notizia della cessione della squadra etnea. Ma la smentita di fuoco del patron non si fa attendere e comunica di aver già dato mandato ai propri legali per querelare il cronista. L'indiscrezione circola tra i tifosi che, in Rete, si dividono tra scettici, arrabbiati e possibilisti. Mentre, in attesa di novità, arriva pronto lo sfottò dei rivali rosaneri

Redazione

Una presunta cessione del Calcio Catania da parte del patron Antonino Pulvirenti annunciata in diretta tv e tra i tifosi serpeggia lo sconcerto. E' la notizia trasmessa ieri dal giornalista sportivo Michele Criscitiello alla trasmissione Aspettando il calciomercato sul canale Sportitalia. Pronta la replica di Pulvirenti, che ha tacciato la presunta indiscrezione come «deliranti illazioni» e annunciato di voler far causa all'emittente televisiva. Ma tra i rossazzurri in Rete restano i dubbi.

Tutto comincia ieri, quando Criscitiello racconta in tv di presunti problemi economici del presidente del Calcio Catania e rivela la sua intenzione di cedere buona parte delle quote della squadra. Un'idea in fase già avanzata, secondo il giornalista, che non si sarebbe ancora concretizzata solo per mancanza di acquirenti. Una notizia che arriva a poche ore da un'altra che riguarda gli affari del patron del calcio etneo: la possibile acquisizione della compagnia aerea WindJet, ferma dalla scorsa estate sull'orlo del fallimento, da parte di una cordata di imprenditori.

Poche ore dopo, arriva pronta la risposta etnea: «Il Calcio Catania spa e il presidente Antonino Pulvirenti, in proprio e nella qualità, preso atto delle affermazioni diffamatorie e gravemente lesive della propria immagine e reputazione, rese nel corso della trasmissione Aspettando il Calciomercato, in onda l'11 luglio 2013, comunica di aver prontamente conferito mandato ai propri legali per agire nei confronti degli autori delle suddette deliranti illazioni, la cui responsabilità civile e penale verrà perseguita dinanzi le competenti sedi giurisdizionali».

Ma tra i tifosi la notizia è già circolata, incontrando reazioni diverse. «Ragazzi, a me Criscitiello non sta simpatico - scrive un utente su un forum rossazzurro - Però non dobbiamo dimenticare che ci azzeccò quando disse che Gasparin sarebbe andato via da Catania quando nessuno ne parlava». E non è il solo a credere che la sicurezza con la quale il giornalista ha dato la notizia debba nascondere una qualche parte di verità. Dall'altro lato però - e sono in molti - c'è chi rifiuta anche solo l'ipotesi di una cessione da parte di Puvirenti. Con motivazioni più o meno razionali. «Il Catania non è in nessuna crisi! Ma scherziamo? Solo Torre del Grifo (il centro sportivo del Calcio Catania ndr) vale mille volte Sportitalia», commenta una tifosa su Twitter.

In attesa di sviluppi, giornalistici o giudiziari, non si è fatto attendere nemmeno lo sfottò dei rivali palermitani. «Vabbè, sempre contro il Cacania, ma qua Sportitalia ha sbagliato - commenta un utente rosanero su Twitter - Dai, cazzo, cu minchia l'avi a pigghiari u Catania?».

[Foto di SiciliaToday]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews