Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, via ai lavori prima dell'ok regionale
Esposto alla Procura per accertare la verità

L'associazione Rita Atria ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Catania per verificare se davvero le operazioni per la costruzione dell'impianto di telecomunicazioni satellitare Usa siano iniziate tre anni prima del via libera da Palermo. La presunta irregolarità, denunciata dal giornalista e attivista Antonio Mazzeo, si basa sulla pubblicazione di una foto in un rapporto ufficiale della marina americana

Salvo Catalano

Accertare se davvero i lavori per la costruzione del Muos nella base statunitense di Niscemi siano iniziati già tre anni prima del rilascio delle autorizzazioni necessarie da parte della Regione Sicilia e come mai nessuno ha chiesto conto di questa mancanza. E' l'obiettivo dell'esposto che l'associazione Rita Atria, tramite il suo legale Goffredo D'Antona, ha presentato alla Procura della Repubblica di Catania questa mattina. A denunciare la presunta irregolarità nella realizzazione dell'impianto militare di telecomunicazioni satellitare era stato il giornalista e attivista Antonio Mazzeo, sulla base di una fotografia, scattata probabilmente nell'inverno del 2009, che mostra lavori in corso sulla collina dove verranno installate le parabole. «In un ampio spiazzo ricavato dopo aver rimosso un’intera collina - scrive Mazzeo - sono già stati completati gli scavi per le tre piattaforme in cemento armato destinate ad ospitare le mega-antenne del Muos».

Questa foto è stata pubblicata nell'aprile del 2009 in un rapporto del Program Executive Office, «l’organismo - ricorda il giornalista - dello Space and Naval Warfare Systems Command (con sede a San Diego, Califonia) che dirige il programma del nuovo sistema di telecomunicazioni satellitari della US Navy». La base statunitense si trova all'interno dell'area protetta della Sughereta di Niscemi. Ecco perché gli Usa sono stati costretti a chiedere le autorizzazioni anche all'assessorato regionale al Territorio e all'Ambiente. Via libera che arrivò solo nel giugno del 2011, quasi tre anni dopo la foto incriminata. Lo scorso 29 marzo il governo Crocetta revocò le autorizzazioni e recentemente il Tar di Palermo ha dato ragione alla Regione. Alla luce di queste novità, l'associazione antimafie Rita Atria, «avendo nel suo statuto tra i suoi obiettivi la funzione di osservatorio politico-sociale sul territorio, ha ritenuto opportuno chiedere alla magistratura l'accertamento dei fatti ed eventualmente che vengano identificati e penalmente perseguiti i reati connessi». «Chiediamo che vengano individuate le aziende italiane che hanno lavorato al cantieri - spiega l'avvocato D'Antona - e inoltre si profila un'omissione di atti d'ufficio. Non è possibile che nessuno, dal comune di Niscemi alla Regione, abbia chiesto alla marina militare le autorizzazioni». Questo potrebbe aprire nuove scenari anche sul piano amministrativo, come sottolinea Paola Ottaviani, avvocato dei No Muos: «Se si verifica che un lavoro è stato iniziato senza le necessarie autorizzazioni, si dovrebbe fare ricorso ad una concessione in sanatoria e non mi sembra facile come strada da seguire in questo caso. Comunque, quest'ultimo fatto rafforza la posizione della regione che ha revocato le autorizzazioni».

[Foto di Communications Satellite Program Office]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews