Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I terreni confiscati di Bicocca come motivo di riscatto
«Agricoltura bio sarà occasione per minori in difficoltà»

Aiab, I Siciliani giovani, Arci Catania, Asaec e Cooperativa Sociale Sud Sud si sono aggiudicati i due lotti di contrada Junghetto che appartenevano alla mafia. «Sarà una pagina di storia mai scritta prima a Catania»

Carmelo Lombardo

Foto di: davide lamonica

Foto di: davide lamonica

Due lotti per cinque ettari. Tutto è ancora recintato dal filo spinato, ma presto potranno essere dei fazzoletti di terra dove sperimentare e promuovere nuove forme di agricoltura. E, soprattutto, dare un segnale forte contro l'illegalità e a favore del riscatto sociale. Sono le ambizioni che muovono Aiab (Associazione italiana agricoltura biologica), insieme al sostegno di realtà come I Siciliani giovani, Arci Catania, Asaec (Associazione antiestorsione Libero Grassi) e Cooperativa Sociale Sud Sud dopo l'aggiudicazione, di pochi giorni fa, dei terreni di contrada Jungetto confiscati alla mafia. Un'iniziativa che oltre a marcare i buoni propositi è intrisa dell'entusiasmo di varie realtà che nel Catanese si occupano di sostenere chi sta ai margini della società. A illustrare il progetto a MeridioNews è Alfio Furnari, che con Aiab e la cooperativa Sud Sud si occuperanno di convertire il terreno ad agricoltura biologica. 

«Faremo corsi di formazione dove anche chi è più svantaggiato potrà apprendere i metodi biologici - spiega - Abbiamo anche l'intenzione di coinvolgere il carcere minorile di Bicocca. Inoltre daremo i frutti del raccolto in beneficienza, alle suore, alle parrocchie e a strutture che si occupano degli ultimi come il centro Astalli e alla casa del Samaritano. Non vogliamo avere nessun profitto dal lavoro che andremo a fare in questi terreni, ma faremo necessariamente un business plan per stabilire i costi che si dovranno sostenere». I due terreni aggiudicati dalla rete di associazioni sono stati confiscati alla famiglia Aiello, dopo il processo Iblis, che ha cercato di fare luce sui rapporti tra alcune famiglie mafiose e parti della politica catanese.

I due terreni, dunque, non mirano soltanto a essere un'opportunità rivolta al sociale, ma avranno l'obiettivo di tenere alto il valore della legalità e, quindi, della lotta alla mafia. «Serviranno anche a stare a contatto con la natura e, contestualmente, ribadire il valore della legalità con diverse iniziative che verranno promosse da Asaec e da I Siciliani giovani, così da coinvolgere la cittadinanza nel rispetto della legalità», prosegue Furnari. Il primo obiettivo sarà convertire il terreno in biologico. «Noi di Aiab miriamo a educare gli agricoltori e consumatori ai prodotti biologici - sottolinea Furnari - Ovvero usare meno insetticidi e concimi chimici possibile tutelando la biodiversità e scegliendo dei metodi naturali per dare linfa e ricchezza al terreno: anche qui non useremo antiparassitari, ma sarà tutto naturale. Un esempio di agricoltura sostenibile può essere la piantumazione di alberi di diversa varietà, o l'interramento delle leguminose prima della fioritura per rafforzare il terreno». Aiab è partita negli anni Ottanta e ha promosso agricoltura biologica in varie parti della Sicilia. Una delle iniziative simili promosse a Catania è stata quella portata avanti per il giardino di Scidà, gestito da Arci.

Ed è proprio a questa esperienza che fa riferimento Matteo Iannitti, che collabora insieme ai Siciliani Giovani. «Cercheremo di ripetere l'esperienza del Giardino Scidà di Catania - dice Iannitti - Ma in questo caso è gli obiettivi sono ulteriori. Nei terreni di contrada Jungetto abbiamo la possibilità di intraprendere un percorso sociale insieme ai più svantaggiati, ma non escludiamo nemmeno una collaborazione tra agricoltori o che chiunque vorrà potrà servirsi dei frutti dagli alberi». Un'esperienza multiforme che, secondo Iannitti, ha svariati significati. «In questa zona volevano costruire altre celle per ampliare il carcere - osserva - mentre in questo modo potrà essere una vera e propria opportunità di riscatto, un alternativa di vita diversa, oltre che un consumo critico dei prodotti e la possibilità di proporre un turismo responsabile. Abbiamo l'opportunità di assistere a una pagina di storia mai scritta prima a Catania». Prima che i terreni passino definitivamente nelle mani delle associazioni, potrebbero passare diversi mesi. Dovrà infatti essere stipulata la convenzione e la polizza assicurativa col Comune.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×