Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le Baccanti di Euripide intrepretata dagli studenti
Libera: «Esperienza che lascerà segno indelebile»

La tragedia torna in scena grazie all'interpretazione dei ragazzi, nel cortile dell'Istituto Ardizzone Gioeni di Catania, ospiti della Rassegna Opera Festival. Tutto  coordinato dalla regia di Monica Felloni e la rielaborazione di Francesca De Santis

Redazione

Le Baccanti di Euripide torna in scena all’Istituto Ardizzone Gioeni di Catania ospiti della rassegna Music Opera Festival. Gli ex studenti dello del liceo Classico Spedalieri ancora una volta protagonisti insieme all' associazione culturale NèonTeatro, con la regia di Monica Felloni, e con la collaborazione di Manuela Partanni e la rielaborazione del testo a cura di Francesca De Santis. Dopo il debutto dello scorso anno, a dare spettacolo saranno le danze armoniche e disarmoniche nello stesso tempo. La loro interpretazione, intrisa della personalità di ciascun attore, secondo il metodo formativo di Nèon, invita a riflettere su come un evento imprevisto possa sconvolgere la vita di una comunità. Il germe della follia innestato da Dioniso ha creato lutti, solitudini e caos, così come la pandemia che abbiamo vissuto. Una riflessione dunque su sé stessi e sul proprio vissuto.

La dirigente scolastica Vincenza Ciraldo e la professoressa Francesca De Santis, promotrici del progetto, si sono dette soddisfatte e hanno rivolto un plauso ai ragazzi per l’impegno e la costanza con cui hanno seguito il laboratorio anche se per gran parte del tempo a distanza. «Sono fiera dei miei studenti – ha sottolineato la preside - e già da settembre continueremo con una nuova programmazione a cui stiamo già lavorando. Il teatro di Monica e Piero porta i giovani a cogliere il significato della realtà che viene filtrato dalla loro età».

Sold out di pubblico che a fine spettacolo ha tributato ai ragazzi una standing ovation. Presente anche la vice presidente nazionale di Libera, Enza Rando che ha messo in evidenza l’importanza delle associazioni che guardano alla scuola, un innesto importante che stimola curiosità, interesse e passione. «Questa esperienza di teatro lascerà un segno indelebile in questi ragazzi– ha detto Rando – come se fossero tracciati, la porteranno con sé nella vita e un giorno, anche a distanza di tanto tempo, la riconsegneranno alla comunità». Protagonisti dello spettacolo: Claudio Brambilla, Panarea Cannizzo, Anna Cutore, Vittoria Di Bernardo, Teresa Fazio, Silvia Giusto, Francesca Indelicato, Dario Magnano San Lio, Enrica Malgioglio, Vittoria Mingiardi, Simona Nicotra, Lavinia Parisi, Elena Rapisarda, Emilio Rugolo, Chiara Sabbatini, Dorotea Samperi e Martina Zanti. Prossimo appuntamento in cartellone, Ciatu in scena il 28 luglio alle 21.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×