Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cani avvelenati ad Adrano, tra cui alcuni cuccioli
Volontario: «Stiamo sfamando i sopravvissuti»

Secondo gli attivisti dell'Enpa (Ente nazionale protezione animiali) gli animali sono stati uccisi con delle esche nel tardo pomeriggio di ieri. Alcuni sono stati salvati. Ma «qualcuno ha seminato ancora bocconi tossici», afferma Anicito di Cuori randagi

Salvatore Caruso

Almeno sei cani randagi sono stati avvelenati nel rione Roccazzello ad Adrano. L'amara scoperta è stata fatta da un volontario dell’Enpa (Ente nazionale protezione animali) nel tardo pomeriggio di ieri. Sul posto, non appena è scattato l’allarme, sono giunti la polizia municipale di Adrano e un’ambulanza veterinaria. Tra le vittime anche una cagna che stava allevando diversi cuccioli. Madre e figli si trovavano all’interno di una insenatura di una roccia vulcanica. Solo alcuni cuccioli sono stati recuperati. Altri, invece sono stati recuperati nella mattinata di oggi grazie all’intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale. 

«Si tratta di cuccioli di pochi mesi – ha detto Massimo Anicito presidente dell’associazione Cuori randagi di Paternò - Ne abbiamo preso in consegna otto, che devono essere sfamati ancora con il biberon; altri tre - ha proseguito Anicito - sono stati affidati ad un’associazione adranita con cui collaboriamo». Secondo Anicito, i cani sono stati avvelenati con delle esche lasciate da qualcuno che era a conoscenza della folta presenza di randagi in questa zona di Adrano. «Sono sei i cani avvelenati, ma adesso c’è adesso un altro cane che barcolla: probabilmente ha ingoiato qualcosa di velenoso - conclude Anicito - Forse l’area non è stata del tutto bonificata oppure qualcuno ha seminato nuovamente dei bocconi avvelenati». Sul fatto la polizia municipale sta procedendo ad effettuare gli opportuni accertamenti.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×