Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascalucia, Cga annulla l'aggiudicazione dei rifiuti a Cogeir
La sentenza: «Affidare la gestione del servizio a Progitec»

Questione spinosa quella della spazzatura nel Comune, che ha visto cambiare ben 4 ditte incaricate nel giro di un anno e mezzo tra fallimenti, interdittive antimafia e battaglie legali per una vicenda che è tutt'altro che conclusa e potrebbe riservare stravolgimenti

Gabriele Patti

Foto di: Stefania Brusca

Foto di: Stefania Brusca

Prima la liquidazione e il successivo fallimento di Mosema, poi l'interdittiva antimafia a Tech che ha comportato la sostituzione con Cogeir e, adesso, a distanza di nove mesi dall'aggiudicazione, potrebbe essere sostituita dalla quarta ditta dei rifiuti nel giro di un anno e mezzo: la Progitec srl di Castel di Iudica. La gestione dei rifiuti a Mascalucia non è semplice. «La sostituzione dell'originaria mandataria con un soggetto esterno - cioè Cogeir, l'attuale ditta a cui è stata affidata la gestione del servizio, sebbene non abbia partecipato alla gara - è inammissibile», si legge nella nota stampa inviata dai legali di Progitec: Girolamo Rubino, Lucia Alfieri e Gaetano Spoto Puleo. Per questo il Consiglio di giustizia amministrativa della Regione siciliana ha dichiarato inefficace il rapporto contrattuale tra l'amministrazione comunale e Cogeir «disponendo - si legge nella sentenza - il subentro di Progitec srl». La pronuncia sembra mettere nero su bianco la parola fine al thriller giuridico sulle irregolarità riscontrate nell'aggiudicazione dell'appalto per la gestione dei rifiuti del comune pedemontano. Anche se, tra gli addetti ai lavori, c'è chi la pensa diversamente. 

«I giudici amministrativi ci obbligano ad affidare l'appalto a Progitec - spiega Alfio Gibilisco, responsabile del procedimento della gara settennale - ma aspetterei ancora qualche giorno prima di tirare le somme perché Impregico (l'associazione temporanea di imprese che si è aggiuddicata l'appalto settennale) potrebbe indicare un'altra azienda come sostituta o addirittura deve essere riavviata la gara». Per chi, come Gibilisco che insieme al dirigente Domenico Ambra, ha già pagato lo scotto della complicata gestione dei rifiuti con un avviso di garanzia per la questione Mosema - che ruota attorno alla trasformazione in house della società (adesso fallita) avvenuta ai tempi dell'amministrazione guidata da Giovanni Leonardi - la partita, dunque, non è finita. Anche se a occuparsene non sarà più lui. «Mi rifiuto di occuparmi ancora di rifiuti», tuona Gibilisco con riferimento al passaggio di consegne al collega Domenico Piazza.  «In ogni caso - sottolinea Gibilisco - le indagini riguardano un periodo in cui io non ero neanche in servizio e sono assolutamente sereno». 

«Ammettere che un raggruppamento con una capogruppo che, peraltro, è stata colpita da interdittiva antimafia possa cambiare un concorrente con un soggetto esterno individuato al di là dei parametri di trasparenza - spiega la legale di Progitec Lucia Alfieri a MeridioNews - diventa una cosa troppo facile e distorce il meccanismo dell'aggiudicazione. A gara espletata non si può sostituire un componente del raggruppamento con un soggetto che non ha partecipato alla gara. Sarebbe come ricostruire ad hoc i requisiti del concorrente», dice la legale. 

In questo senso a dettare la linea è la pronuncia dell'adunanza plenaria del 27 maggio 2021. «Il principio sancito dall'adunanza plenaria e applicato dai giudici - prosegue Alfieri - prevede l'ottemperanza del Comune all'ordine dei giudici amministrativi dell'affidamento a Progitec entro trenta giorni». Anche se si tratta di termini non perentori. «In caso contrario - spiega la legale -, potrebbe configurarsi un'ipotesi di danno erariale se l'inerzia dell'amministrazione è tale da esporsi a pretese risarcitorie». 

In ballo ci sarebbe anche il riconoscimento degli investimenti effettuati da Cogeir per l'espletamento del servizio. «Noi a Cogeir abbiamo già pagato fino all'ultimo centesimo previsto dall'appalto, ma gli investimenti dovrebbero essere ammortizzati in sette anni e dopo questa pronuncia non credo verranno mai ammortizzati». prima di sbilanciarsi, però, «bisogna attendere le contromosse di Impregico - dice Gibilisco -, perché potrebbe anche resuscitare Tech che, essendo sotto commissariamento, si qualifica come società in bonis». Per Gibilisco, comunque, una cosa è certa: «Piazza avrà il compito di traghettare questa procedura - conclude il dirigente -, in quella che è una bella gatta da pelare». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×