Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rubato defibrillatore di piazza Europa donato da Sidra
«Un atto vandalico che si ripercuote su tutta la città»

Non è durato nemmeno una settimana il dispositivo che la società aveva installato insieme al Comune di Catania. «Ne metteremo un altro, ma con telecamere. Per colpa di qualche delinquente non può pagare l'intera cittadinanza», afferma Navarria

Carmelo Lombardo

Poco più di cinque giorni. Ecco quanto è durato il defibrillatore che Sidra, società che si occupa di gestione idrica, aveva donato alla città di Catania. Lo scorso 16 luglio il dispositivo era stato installato a piazza Europa, all'inizio della pista ciclabile, messo a disposizione dei tanti che praticano attività sportive nella zona. Oggi, però, il defibrillatore non c'era più. «Abbiamo appreso la notizia stamattina - afferma Marco Navarria a MeridioNews - Valuteremo insieme al Comune se sporgere una querela contro ignoti e stiamo cercando di capire se ci sono telecamere che abbiano potuto individuare gli autori». Navarria è uno dei componenti del Consiglio di amministrazione della società. Che adesso valuta una prossima reinstallazione. 

«Rubare un defibrillatore non può considerarsi altro che un atto vandalico - continua Navarria - Dubito che se senza l'apposito collegamento possa essere riutilizzato. Un atto vandalico che, però, va a discapito di tutta la città: noi ci auguriamo che non possa essere utilizzato, ma il dispositivo è stato messo nel caso in cui qualcuno abbia bisogno di rianimazione. Quello è un punto strategico, proprio perché molto frequentato». Proprio domani si riunirà il Consiglio di amministrazione. «Discuteremo anche di questo - sottolinea - Pensiamo di installare un nuovo dispositivo perché bisogna dare il segnale che la città non può essere privata di un bene fondamentale come questo per colpa di qualche delinquente: la maggior parte dei catanesi non è così. Faremo in modo che la prossima installazione abbia un sistema di videosorveglianza, così da scongiurare casi del genere».

Sidra ha donato all'amministrazione anche altri due defibrillatori, che sono stati collocati rispettivamente in piazza Mancini Battaglia e in piazza Nettuno. «Finora non era mai successo per gli altri due che avevamo donato - conclude Navarria - Ma ho appreso che qualche giorno fa è stato rubato anche quello messo in piazza Teatro Massimo, che però non è stato donato da noi. Quindi non escludo che la mano del furto di oggi possa essere la stessa».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×