Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Eleonora d'Angiò, tra degrado e tombini otturati
«Vigili urbani? Li vediamo soltanto per gli incidenti»

L'arteria che collega via Filocomo al viale Fleming de anni deve fare i conti con una situazione di abbandono. In inverno bastano poche gocce d'acqua e si trasforma in fiume. C'è poi il nodo del pericoloso incrocio con via Calatabiano. Guarda le foto

Dario De Luca

Tombini otturati già prima delle continue cadute di cenere vulcanica, strisce pedonali inesistenti o completamente scolorite e un incrocio molto pericoloso, spesso teatro di incidenti. L'ultimo, spettacolare ma senza gravi conseguenze per gli automobilisti, il 6 giugno scorso. Via Eleonora d'Angiò, arteria in cui insiste il teatro Ambasciatori e che collega la parte finale di via Filocomo con il viale Fleming e via Milo, al degrado sembra averci fatto il callo, con buona pace della principessa angioina a cui è stata dedicata la strada. 

Già all'inizio dell'arteria, alla fine di una curva, c'è un attraversamento pedonali quasi del tutto scolorito. Poco prima delle strisce anche un pezzo di asfalto in cattive condizioni. Proseguendo verso il teatro, a immondizia e cenere vulcanica, si aggiunge la cattiva manutenzione del verde. Un problema, quest'ultimo, da imputare anche ai privati. Di fatto rami e piante invadono il marciapiede, con i pedoni costretti a spostarsi lungo la corsia per evitarli. La situazione non è migliore nello slargo antistante il parco Madre Teresa di Calcutta, piccolo polmone verde in cui non guasterebbe qualche lampadina in più per essere meglio illuminato. Nei pressi del parcheggio e vicino la fermata del trasporto pubblico, diversi cittadini hanno segnalato la presenza di un filo scoperto della luce, ultima traccia di una colonnina distrutta ormai da diversi anni. 

Poco più avanti il pericoloso incrocio con via Calatabiano. La presenza su entrambi i lati delle macchine in pieno divieto di sosta rende difficile la visuale e così gli incidenti sono all'ordine del giorno. «I vigili urbani? Li vediamo quando vengono a fare i rilievi - spiega un commerciante a MeridioNews - Per il resto la zona è praticamente abbandonata». In compenso tutta la strada, quando piove, si trasforma in un fiume d'acqua. «I tombini, già prima della cenere dell'Etna, erano pieni», conclude l'uomo

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×