Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Affiliato ai Santapaola tenta di uccidere ex convivente
Cosparge donna di benzina ma accendino si inceppa

Arrestato e condannato nell'ambito dell'operazione Fiori Bianchi, l'uomo era tornato in libertà ad aprile 2018. Da allora è cominciato un calvario per la 47enne e per i due figli. Ad ammanettarlo i carabinieri della compagnia di Gravina di Catania

Redazione

Un 48enne è finito indagato per tentato omicidio, tentato danneggiamento e atti persecutori. L'uomo è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo radiomobile della compagnia di Gravina di Catania. Si tratta di un pluripregiudicato e affiliato al clan  mafioso Santapaola-Ercolano arrestato e condannato nell'ambito dell'operazione Fiori Bianchi. Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno fatto luce sulla condotta persecutoria posta in essere nel tempo dall'uomo nei confronti dei familiari, culminata nel tentativo di omicidio dell'ex convivente 47enne.

Dopo la scarcerazione avvenuta nell'aprile del 2018, il 48enne non aveva accettato la decisione della compagna di interrompere la loro relazione. La donna era rimasta in silenzio timorosa di probabili ripercussioni sui loro due figli di 19 e 21 anni e, in particolare, su quest'ultimo che si era apertamente schierato in sua difesa avendo più volte assistito alle violenze del padre ai suoi danni. Nel tempo, l'ha privata della sua serenità procurandole un continuo stress psicologico mediante continui passaggi a piedi ed in auto sotto la sua abitazione, oppure con innumerevoli telefonate e messaggi al suo telefono ed a quello dei figli, consentendole inoltre di frequentare soltanto appartenenti alla sua famiglia per imporle di fatto il veto di allacciare altre relazioni sentimentali. 

A inizio luglio l'ha aggredita picchiandola. L'indomani la donna, scesa in strada per depositare il sacchetto dell'immondizia, aveva visto l'ex convivente che infuriato e con una bottiglia nelle mani stava c ospargendo di liquido infiammabile la sua autovettura e lo scooter del figlio. La donna gridò per attirare l'attenzione dei vicini ma l'esagitato, per nulla intimorito, aveva cosparso anche lei di liquido infiammabile minacciandola di morte insieme al figlio quindi ha tentato di appiccare le fiamme con un accendino che, solo per un malfunzionamento, ha impedito la tragedia.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×