Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Intitolata a Pippo Fava la sala conferenze di Geotrans
«Il suo esempio è vivo e ci indica la via da seguire»

La ditta di trasporti della zona industriale è stata sequestrata all'imprenditore Vincenzo Ercolano che, secondo la magistratura, aveva acquisito il testimone del padre mafioso. «Abbiamo riaffermato il valore del bene confiscato», afferma Francesca Andreozzi

Carmelo Lombardo

Foto di: Pagina Facebook Fondazione GIuseppe Fava

Foto di: Pagina Facebook Fondazione GIuseppe Fava

«Sarà uno spazio messo a disposizione di tutta la collettività, perché i beni confiscati devono e possono essere riutilizzati». Francesca Andreozzi, nipote di Pippo Fava, commenta con soddisfazione l'intitolazione della sala conferenze, all'interno di Geotrans, al giornalista ucciso dalla mafia il 5 gennaio 1984. Stamattina, nella sala in cui erano presenti diverse associazioni, è stato inaugurato il murale - realizzato da Antonio Barbagallo -  che rappresenta Fava: un ulteriore passaggio a conferma dello spirito antimafia che muove l'impresa. Geotrans, azienda di trasporti un tempo di proprietà di Vincenzo Ercolanoimprenditore condannato per mafia in primo grado, adesso è curata da un amministratore giudiziario in collaborazione con i circa 30 dipendenti rimasti. Dal sequestro avvenuto nel 2014 alla definitiva confisca del 2019, dopo la condanna per mafia in primo grado del titolare figlio del capomafia Pippo Ercolano, la ditta, che ha sede nella zona industriale catanese, va avanti.

«Attorno a Geotrans ci sono diverse realtà associative composta da Libera, Addiopizzo e Coop e la cooperativa Beppe Montana, Asaec Libero Grassi, Cgil e Fondazione Pippo Fava che hanno dato un supporto e un cambio di rotta - prosegue Andreozzi - Insieme a loro e alle altre realtà che si vorranno avvicinare faremo in modo di creare diverse iniziative. Lunedì inizierà un campo estivo organizzato da Libera. Questa inaugurazione vuole ribadire l'importanza del cambio di rotta che ha intrapreso l'azienda dopo la confisca. E, soprattutto, il buon funzionamento dei beni confiscati. Le imprese libere, senza la mafia, esistono».

L'azienda, adesso, attende gli ultimi passaggi per il passaggio definitivo a cooperativa. Tuttavia, come spiega l'amministratore giudiziario Luciano Modica al nostro giornale, alcuni punti devono essere perfezionati perché la conversione possa avvenire. «Lo stato patrimoniale attuale è in attivo, ma il passaggio a cooperativa da parte dell'agenzia dei beni confiscati non è stato mai contrattualizzato - sottolinea Modica - Prima dovremmo vedere cosa deve essere trasferito e cosa no. Noi vorremmo che durante il passaggio non vengano trasferiti anche altri debiti che non appartengono a questa gestione, non possiamo accettare condizioni proibitive».

Per l'amministratore giudiziario è importante continuare a percorrere la strada maestra «che è quella di rimanere liberi da qualsiasi condizionamento mafioso - commenta - Quest'ultima intitolazione ci ribadisce che l'esperienza e la figura di Pippo Fava continua a essere una guida, un esempio vivo che ci serve da indirizzo. Questa sala conferenze che abbiamo inaugurato è un bene della collettività. Chiunque vorrà, potrà godere di questo spazio».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×