Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La donna è «architetta». Approvato timbro di genere 
«Visione meno sessista condivisa da enti e istituzioni»

Con questa decisione arrivata dall'Ordine di categoria etneo e dalla Fondazione, i nuovi membri voglio imprimere un cambio di passo. «La desinenza di una parola non risolve le problematiche, ma è segnale forte che vogliamo dare alla comunità»

Redazione

«A Catania la donna è architetta». L'Ordine di categoria etneo ha approvato ufficialmente il timbro professionale di genere con la dicitura al femminile di architetta. A comunicarlo è stata la presidente della Fondazione degli Architetti di Catania Eleonora Bonanno. «Una decisione che rispetta la libera scelta delle professioniste di essere identificate in quanto donne - dichiara Bonanno - e che contrasta in maniera evidente il principio androcentrico che ha regolato per secoli la lingua italiana». La professionista sottolinea l'importanza di essere rappresentata equamente dalla lingua italiana. Una visione meno sessista che - come fa notare anche Bonanno - è condivisa da istituzioni, enti e anche dall'Accademia della Crusca.

«L’uso al femminile dei mestieri – spiega Bonanno – era già stata vista in modo favorevole nel 1986 dalla Commissione nazionale per la realizzazione della parità tra uomo e donna. E nella stessa direzione si è mossa l’Unesco nel 1994, invitando a un uso non sessista della lingua, per prendere coscienza che certe forme di linguaggio possono essere sentite come discriminatorie per le donne, perché tendono a nascondere la loro presenza o a farla apparire come eccezionale».

Sulla questione si è espresso anche il presidente dell'Ordine etneo Sebastian Carlo Greco. «Non si tratta di un obbligo, ma solo di una possibilità di scelta – afferma Greco – chiara dimostrazione della nostra posizione in merito al dibattito sulla parità di genere e sul tema dell’inclusione, in una società dove spesso le minoranze vengono poste ai margini e dove i cliché sulla donna possono offuscare qualità e professionalità».

Proprio le pari opportunità e la lotta a ogni tipo di discriminazione sono pilastri del programma del nuovo Ordine e della nuova Fondazione – insediatisi lo scorso giugno – che hanno «istituito un Osservatorio per le Pari opportunità, con lo scopo di evidenziare eventuali difficoltà riscontrate dalle nostre iscritte e proporre valide soluzioni – concludono Greco e Bonanno - Sappiamo bene che la desinenza di una parola non è risolutiva delle problematiche della società, ma è un segnale, forte, che vogliamo dare a tutta la comunità».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×