Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Strage di via d’Amelio, i fiori di Addiopizzo
Parole e musica, davanti al muro antimafia

C’erano le autorità, i dirigenti delle forze dell’ordine, il procuratore e il sindaco. Ma soprattutto, nella giornata commemorativa che l’associazione antiracket etnea ha organizzato in ricordo del giudice Paolo Borsellino e degli uomini della sua scorta, uccisi dalla mafia il 19 luglio 1992, c’erano tanti bambini. Gli stessi che hanno depositato un mazzo di fiori sotto il ritratto del magistrato. Guarda le foto

Leandro Perrotta

Hanno indossato un bavaglio, sul palco allestito all'interno del'Istituo Quirino Maiorana di Catania, nel giorno in cui si ricorda la morte del giudice Paolo Borsellino e degli uomini dela sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina. Proprio di fronte al muro contro la mafia, che l'associazione Addiopizzo Catania ha inaugurato lo scorso 2 luglio. Sulla parete i volti simbolo dell'antimafia siciliana - Alfredo Agosta, Pippo Fava, Beppe Montana, Libero Grassi, Giovanni Lizzio, Luigi Bodenza, Serafino Famà - e al centro l'effige di Borsellino e delle altre vittime della strage di via D'Amelio del 19 luglio 1992.

I ragazzi della Casa Famiglia Papa Giovanni XXIII e dell’oratorio San Francesco di Sales hanno depositato qui dei fiori, mentre sul palco, tolto il bavaglio, i gestori della Cooperativa Sociale Rò intonavano le note di Pensa, brano del cantautore Fabrizio Moro dedicato alle vittime della Mafia. Poco più di un centinaio gli intervenuti, che hanno ascoltato i ragazzi declamare le frasi significative del giudice. E ad ascoltarli, c'era sia la società civile che le istituzioni: presente il sindaco Enzo Bianco, i dirigenti delle forze dell'ordine etnee, ma anche le associazioni antiracket catanesi Asaec ed Asaee, gli esponenti di Libera e dell'associazione Cittàinsieme. Presente anche il procuratore capo di Catania Giovanni Salvi, per il quale «ricordare gli insegnamenti di Borsellino non è solo retorica, ma impegno».

«Lo abbiamo organizzato qui non solo perché si trova davanti al nostro murales, ma anche perché con l'istituto Maiorana, dal dirigente agli insegnanti fino ai bidelli, si è instaurato un grande rapporto di collaborazione», spiega il presidente di Addiopizzo Catania Totò Grosso, soddisfatto. Non solo per la presenza istituzionale, ma soprattutto perché «le attività di Addiopizzo procedono con ottimi risultati: quest'anno abbiamo superato la quota di 5mila consumatori iscritti alle liste del consumo critico, e le cento attività Pizzofree, mentre va avanti la nostra attività informativa, anche nei confronti degli imprenditori», conclude.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×