Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La Caritas Diocesana inaugura magazzino per i poveri
Vescovo: «Ogni persona potrà dare proprio contributo»

Si chiama Ma.Ca.Di ed è stato aperto ad Aci Sant'Antonio. Monsignor Antonino Raspanti: «Non può fare tutto lo Stato, laddove possono arrivare forze intermedie come le comunità locali, le comunità parrocchiali è più che opportuno che ci si arrivi dal basso»

Umberto Triolo

Si scrive Ma.Ca.Di., si legge Magazzino Caritas Diocesano ma all'interno c'è di più di un semplice deposito di alimenti. C'è il cuore della solidarietà, di chi ha deciso e di chi deciderà di compiere un gesto d'amore. Grazie ai fondi dell'otto per mille la Diocesi di Acireale ha allestito, ad Aci Sant'Antonio, il magazzino dei poveri. Uno spazio rivolto ai meno fortunati, a chi ogni giorno ha difficoltà a mettere qualcosa da mangiare sulla tavola. E così, proprio in un locale adiacente la chiesa della Mercede san Camillo, nel 50esimo anno di Caritas Italiana, è stato dato inizio a questo progetto. L'iniziativa non vuole sostituirsi al Banco Alimentare della Sicilia, che distribuisce generi alimentari ad oltre 400 strutture caritative in sette province della regione, ma vuole affiancare le parrocchie nella loro missione di essere Chiesa nelle comunità locali cioè incontro e servizio reciproco sotto il messaggio cristiano: «Amatevi come io vi ho amato». 

Un modo per aiutare immediatamente le persone in difficoltà e combattere lo spreco alimentare. L'occasione serve, infatti, anche a smuovere le coscienze. Accanto a chi getta tra i rifiuti cibo che potrebbe essere recuperato, vive gente che non riesce a nutrirsi per difficoltà economiche legate a vari motivi. «Non può fare tutto lo Stato - ha dichiarato monsignor Antonino Raspanti, vescovo di Acireale e vicepresidente nazionale della Cei - laddove possono arrivare forze intermedie come le comunità locali, le comunità parrocchiali è più che opportuno che ci si arrivi dal basso, con iniziative proprie. Raccogliamo quello che può donare un supermercato. Sono beni del cuore, della buona volontà delle persone. Tutto ciò va a supplire quanto previsto nelle leggi, nella società». 

«Questo progetto nasce grazie alla sottoscrizione dell'otto per mille alla Chiesa cattolica - ha detto don Orazio Tornabene direttore della Caritas diocesana di Acireale - dà la responsabilità e la possibilità ad ogni singola persona di potere fare del bene. Occorre imparare a vivere quotidianamente la carità». Lo spazio inaugurato, dunque, da oggi vivrà grazie alla solidarietà e alla vicinanza che ognuno di noi riuscirà a dimostrare. L'appello, implicito, non va solo ai gestori dei depositi, dei negozi alimentari e delle imprese operanti nella ristorazione ma a ogni cittadino che davanti al bisogno preferirà non voltarsi dall'altra parte.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×