Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Disservizi idrici, mezza Catania è rimasta senza acqua
Sidra: «Problemi alla corrente. Risolveremo a breve»

Oltre agli incendi e al caldo, i cittadini del capoluogo etneo devono fare i conti con i rubinetti a secco. Molti fanno presente che non è la prima volta che si verifica una cosa simile. «Tutto rientrerà intorno alle 13», spiega a MeridioNews il presidente Fabio Fatuzzo

Carmelo Lombardo

Foto di: suju

Foto di: suju

Oltre ai problemi legati agli incendi e alle alte temperature, i catanesi devono fare i conti con i rubinetti a secco. Da ieri, infatti, mentre alcune parti della città erano in preda alle fiamme, i residenti di diverse zone della città segnalavano disservizi idrici. Stamattina, Sidra, la società partecipata del Comune di Catania che si occupa della gestione del servizio, ha comunicato sulla propria pagina Facebook che il disservizio, dovuto alla mancanza di energia elettrica, è stato riparato soltanto parzialmente. «I disservizi continuano a permanere in tutta l'area cittadina, con esclusione delle zone est e ovest», scrivono.

Tuttavia, le segnalazioni dovute alla mancanza di acqua continuano ad arrivare anche da queste zone dove il problema, stando a quanto scritto da Sidra, dovrebbe essere stato risolto. Il presidente della società Fabio Fatuzzo, raggiunto da MeridioNews, ammette che i problemi possono ancora esserci, ma «entro le 13 di oggi tutto dovrebbe rientrare - assicura al nostro giornale - Ieri c'è stata una mancanza di energia elettrica di quattro ore, che è continuata anche stamattina. Mancando la corrente, si sono spente le pompe, che sono andate in autotutela. Tutto è cominciato da Aci Sant'Antonio e, man mano, ha coinvolto anche Catania».

Oltre alle zone periferiche, l'acqua è mancata anche in zona Borgo, nel cuore del capoluogo etneo. «Stiamo cercando di risolvere anche in quelle zone - continua Fatuzzo - C'è stata una perdita d'acqua importante a causa di una mancata propulsione di circa 900 litri d'acqua al secondo. Al momento, fortunatamente - conclude il presidente di Sidra - non registriamo nessuna conduttura andata distrutta dagli incendi». E se da un lato Fatuzzo assicura che la situazione rientrerà tra qualche ora, dall'altro ci sono i cittadini in difficoltà. Molti segnalano i disservizi proprio sotto il post di Facebook con cui Sidra informa dei disagi. L'informazione è arrivata sui social solo stamattina ma non era stata data sul sito della società, come sottolinea un utente nei commenti: «Sul sito non trovo nulla». 

Inoltre, qualche utente fa presente situazioni già delicate aggravate dalla mancanza di acqua corrente. «Ci sono persone che stanno male - scrive un residente - Mia moglie operata di tumore dieci giorni fa, ogni estate stessa storia, già a Picanello l'acqua arriva solo di notte. Ho provato a chiamare ai numeri verdi - lamenta il cittadino - ma non risponde nessuno: intervenga il sindaco, specie con 45 gradi. È una situazione da terzo mondo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×