Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fogna a San Giorgio, risponde l'assessore
D'Agata: «Manca uno studio geologico»

«Abbiamo ereditato questa situazione, ma mancava uno studio fondamentale sui terreni». Saro D'Agata, assessore all'Ecologia del Comune di Catania, risponde al presidente del Comitato civico che a San Giorgio chiede la costruzione della rete fognaria. «Tutto tace», si legge nella lettera, ma per D'Agata una volta giunto lo studio una nuova conferenza dei servizi potrebbe essere convocata «in poche settimane». Guarda le foto

Leandro Perrotta

«Mancano ancora i risultati di uno studio geologico sulla zona, quando arriveranno potremo convocare una nuova conferenza dei servizi». Rosario D'Agata, neo assessore all'Ecologia del Comune di Catania, torna a parlare della vicenda delle fognature nella zona nord-est del popoloso quartiere San Giorgio, il cosiddetto San Giorgio alto. L'annosa vicenda non è stata mai risolta nel grande quartiere sorto senza nessuna pianificazione urbanistica a partire dagli anni '70, nel quale i liquami sono ancora scaricati nel terreno, con gravi conseguenze per il vicino torrente Acqua Santa e su terreni a valle del vicino quartiere di Fossa Creta.

La vicenda sembrava essere giunta a una svolta positiva pochi mesi fa, per la precisione a marzo, quando una conferenza dei servizi, convocata dall'ex amministrazione di Raffaele Stancanelli, aveva stabilito l'inizio dei lavori per questa estate. Ieri la vicenda è stata ripresa in una lettera rivolta al nuovo sindaco Enzo Bianco da Giuseppe Parisi, presidente del comitato civico che ha portato la vicenda all'attenzione delle due amministrazioni: secondo quanto scrive, «tutto tace». Parisi, che alle scorse amministrative è stato candidato al consiglio comunale proprio a sostegno di Stancanelli nella lista Tutti per Catania, se la prende in particolare modo con il nuovo assessore D'Agata, «ben a conoscenza della situazione, anche da consigliere», che alle sue richieste di intervento avrebbe risposto con un lapidario «ci penso io».

«Domani mi incontrerò con l'architetto Marialuisa Areddia, nuovo dirigente dei Lavori pubblici, che mi darà a riguardo maggiori informazioni», risponde pacato D'Agata sulla vicenda, che glissa sulle accuse di «non rispondere alle telefonate», contenuta sempre nella lettera. «Purtroppo abbiamo ereditato questa situazione, alla quale mancava questo studio fondamentale sui terreni. Appena ci sarà, convocheremo una nuova conferenza dei servizi, ma credo che si possa fare in poche settimane», conclude l'assessore all'Ecologia del Comune di Catania.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×