Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il Pd catanese chiama a raccolta i simpatizzanti
Barbagallo: «Dobbiamo costruire l'alternativa»

Niente fiere agostane per i dem etnei che, a un anno dalle elezioni, immaginano un nuovo rilancio del territorio che abbia un respiro europeo. «Di fronte a un'amministrazione che annaspa, disegniamo le priorità», afferma il deputato regionale

Umberto Triolo

Foto di: Umberto Triolo

Foto di: Umberto Triolo

Un piano di resilienza per la città. Niente ferie agostane per il Partito democratico che in piena estate chiama a raccolta i suoi simpatizzanti per confrontarsi sulla Catania euromediterranea che hanno in mente. Il rilancio di un territorio passa, secondo i democratici, dalle capacità che dimostrano i catanesi, anche nei periodi difficili come quello che si sta attraversando, di mirare alla crescita. La parola chiave diventa così innovazione senza per questo tralasciare chi è rimasto dietro o ha già difficoltà. Serve una condivisione di sforzi e di obiettivi per rimettere in piedi una città bruciata, dopo i roghi di questi giorni. E a non avere dubbi su quale direzione seguire è il segretario regionale del Pd, Anthony Barbagallo. «In una città che non è amministrata – ha detto – il Partito democratico ha il compito di costruire l'alternativa. Lo iniziamo a fare in questo momento, non ci fermiamo. Utilizziamo il mese di agosto per disegnare le tante priorità di un'amministrazione che continua ad annaspare. Il Pd a Catania, come nel resto della Sicilia, ha in mente un altro progetto: lo stiamo facendo impegnando la nostra migliore classe dirigente per una città che ha bisogno di cambiare pagina».

A provare a indicare le linee lungo le quali muovere i passi per il futuro è stato anche il segretario provinciale Angelo Villari. A suo avviso bisogna partire dalle attuali criticità «per guardare oltre – ha dichiarato - e fare diventare Catania da estremo sud dell'Europa a centro del Mediterraneo. Occorre modernizzare questa città perché le risorse che arriveranno dall'Europa saranno tantissime; possono essere utilizzate per progetti forti e per diventare punto di riferimento. Per questo bisogna lavorare sulla riconversione, per un cambiamento ambientale ed ecologico, sulla modernizzazione dei servizi, sulle infrastrutture, sulla scuola, sulla sanità e in quei settori dove la città è ancora arretrata».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×