Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, il flash mob per non dimenticare l'ospedale
Pd e M5s: «Non possono esistere cittadini di serie B»

Deputati regionali dem e cinquestelle si sono dati appuntamento questa mattina all'ingresso della struttura sanitaria per riportare l'attenzione sui disagi patiti dall'utenza del SS. Salvatore. La replica di Diventerà Bellissima

Salvatore Caruso

Partito democratico e Movimento 5 stelle protagonisti questa mattina di un flash-mob davanti all'ospedale Santissimo Salvatore di Paternò. Obiettivo accendere riflettori sui disagi patiti dall’utenza, dallo scorso mese di febbraio, vista la carenza di medici al pronto soccorso: «Solo quattro unità in servizio, ma realmente tre perché una in malattia a lungo termine - dichiarano i manifestanti - Queste tre unità non hanno più il sostegno dei medici del 118 che hanno preferito, per ragioni economiche svolgere la loro attività in altro ospedale Aziendale». 

Eppure ieri la problematica è stata affrontata dal sindaco Nino Naso con i vertici Asp catanesi, ossia il direttore generale Maurizio Lanza e quello sanitario Antonino Rapisarda. Sarebbe stata trovata una soluzione: per coprire i turni vacanti si ricorrerà al personale dell’area chirurgica e medica dell’azienda, tenendo conto del fabbisogno mensile che verrà comunicato dal responsabile del pronto soccorso di Paternò. Per attuare tale determinazione devono pensarci i capi dipartimento aziendali. Per Pd e M5s, invece, l’Asp deve provvedere a emettere un bando per tutti i posti vacanti anche per i medici del pronto soccorso di Paternó come attualmente avviene per gli ospedali di Caltagirone e Militello. 

Questa mattina erano presenti per Partito Democratico il deputato regionale Anthony Barbagallo, il segretario provinciale Angelo Villari e il presidente del consiglio comunale Filippo Sambataro. Per il Movimento 5 stelle presenti i deputati regionale Francesco Cappello, Giorgio Pasqua e Gianina Ciancio e i consiglieri comunali pentastellati Martina Ardizzone e Marco Gresta. Presente anche la consigliera comunale Ionella Rapisarda. Assente l’amministrazione comunale. «Con la presenza di soli tre unità in servizio - ha detto Barbagallo - non si può assicurare neanche la presenza un solo medico a turno, con gravi disagi per l’utenza; gravi le ripercussioni sui pazienti che sostano al pronto soccorso in osservazione breve; impossibilità di un medico accompagnatore nel caso di trasferimenti urgenti in altre strutture. Partito democratico e Movimento 5 stelle chiedono maggiore attenzione per l’ospedale di Paternò». E sulla soluzione adottata ieri dall'Asp il presidente del consiglio Sambataro del Pd mostra dei dubbi: «Non sono sicuro se questo provvedimento sia sufficiente a garantire dei turni pieni al nostro pronto soccorso».

Va giù duro il deputato regionale pentastellato nonché componente della commissione sanità all’Ars Francesco Cappello: «Questo flash-mob è un tentativo di sollecitare il governo regionale a intervenire. Che ha fatto una scelta precisa: ha preferito prestare più attenzione alle aziende sanitarie delle Città metropolitane, lasciando al proprio destino presidi periferici. Chi non vive a Catania non può sentirsi cittadino di serie b». Attacca anche Diventerà Bellissima: «Quanta ipocrisia a difesa dell’ospedale di Paternò o forse soffrono di vuoti di memoria gli uomini e le donne di Pd e M5s che solo oggi guardano al nosocomio paternese. Forse hanno dimenticato che questo governo, affidato a Nello Musumeci, ha salvato dalla chiusura il SS.Salvatore, come molti altri ospedali siciliani, decretata proprio dal PD, quando governatore era Rosario Crocetta». 

Questa la replica di Anthony Barbagallo: «Il governo Crocetta non ha mai avviato atti per chiudere l’ospedale di Paternò; chi riporta le lancette indietro di otto-dieci anni addietro vuole dire che non ha più altri argomenti». La vicepresidente del Consiglio comunale Martina Ardizzone ha evidenziato che «coloro che hanno detto che oggi si sarebbe manifestato sul nulla perché l'ospedale è già stato salvato da questo governo regionale, si sbaglia. Io suggerirei vivamente, a chi lo ha dichiarato, di farsi un giro tra i reparti, di intrattenersi anche solo pochi minuti con un qualsiasi infermiere o medico, di vedere in che condizioni versa la struttura e, in particolare, il pronto soccorso, perché se a stare dentro l’assessorato vi siete convinti che qui sia tutto a posto, sappiate - conclude - che vi sbagliate alla grande».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×