Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Minaccia di dare fuoco alla ex, arrestato un 36enne
Anni di vessazioni pure in presenza dei quattro figli

La vittima è una donna di 31 anni che per tre anni aveva interrotto i rapporti con l'uomo. Nel 2018 i due erano tornati insieme e il copione si è ripresentato. Dietro le richieste di denaro il consumo di sostanze stupefacenti

Redazione

Un uomo di 36 anni è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona, lesioni personali, violenza privata e porto di oggetti atti a offendere. Le indagini sono state avviate dai carabinieri e hanno permesso di ricostruire come l'uomo abbia sottoposto per anni a soprusi la convivente di 31 anni, alla presenza dei quattro figli, due maschi e due femmine di età compresa tra i 2 e gli 8 anni, anche allo scopo di ottenere somme di denaro per l'acquisto di droga. Già nel passato la vittima aveva querelato l'indagato per i suoi comportamenti violenti e aveva abbandonato la casa familiare salvo poi, dopo circa tre anni, riprendere il rapporto sentimentale con l'uomo che, almeno apparentemente, aveva cambiato i suoi atteggiamenti. 

La scelta non era stata però lungimirante perché, dal 2018, gli atti vessatori dell'uomo erano ripresi con più episodi di particolare violenza. Lo scorso 28 maggio, a seguito del diniego opposto dalla vittima all'ennesima richiesta di denaro, l'indagato, alla presenza dei figli minori, aveva afferrato la donna al collo, come a volerla strangolare. La situazione si aggravava ulteriormente nel periodo seguente allorché' la vittima decideva di intraprendere una relazione sentimentale con un altro uomo e di trasferirsi con i figli presso l'abitazione del nuovo compagno. L'indagato, infatti, intensificava le minacce alla donna e al nuovo fidanzato della stessa allo scopo di indurla a riprendere la loro relazione e a tornare a casa unitamente ai quattro figli.

A giugno, l'uomo costringeva l'ex convivente, che si trovava insieme alla figlia di sei anni, a salire sulla propria autovettura per poi allontanarsi guidando spericolatamente e picchiandola, fino a quando, dopo una fuga rocambolesca veniva bloccato dalle forze dell'ordine che, tra l'altro, constatavano che egli era in possesso di sostanze stupefacente. Una settimana dopo, l'indagato dopo avere trascinato l'ex convivente fuori dalla sua casa tirandola per i capelli, ancora una volta in presenza dei figli terrorizzati, le aveva mostrato una bottiglia contenente liquido infiammabile e un accendino minacciandola di darle fuoco. In questo contesto il tribunale per i minorenni di Catania ha emesso il 14 luglio scorso un provvedimento di sospensione della responsabilità genitoriale, disponendo il collocamento dei minori in comunità e presso una famiglia disponibile. Per l'uomo si sono aperte le porte del carcere.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×