Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rugby, il reclutamento delle Brigantesse
La prima squadra femminile a Catania

Marinzia Sciuto, 38 anni, per anni si è allenata con gli uomini, facendo la spola tra Palermo e Catania. Il team di ragazze più vicino al capoluogo etneo l'ha trovato a Messina. Al campo San Teodoro di Librino ha allenato a sua volta ragazzini e ragazzine. Quest'ultime, però, senza alcuna possibilità di continuare a giocare. Così ha deciso di aprire le selezioni per una femminile etnea dello sport del terzo tempo. Rivolte a candidate dai 16 ai 42 anni, anche senza esperienza ma con tanta motivazione

Claudia Campese

Al San Teodoro di Librino cercano Brigantesse. Donne con la passione per il rugby, ma anche curiose principianti o semplici appassionate. Per creare una squadra femminile da affiancare all'esperienza de I Briganti nel campo abbandonato dall'amministrazione etnea e oggi occupato e riqualificato dalla squadra. Una doppia scommessa: non solo quella sociale - di coinvolgere i ragazzini e le ragazzine del difficile quartiere periferico etneo - ma anche quella di portare il rugby femminile in città, oggi assente. A guidare il reclutamento sarà Marinzia Sciuto, 38 anni, pendolare del rugby. «Mi sono già guadagnata un'ernia cervicale quindi mi restano gli ultimi anni per giocare - racconta con la leggerezza di chi è abituato ai rischi del mestiere - Forse proprio perché sono a scadenza ho pensato di dare inizio alle femminili a Catania, ma questa cosa deve andare oltre me». Iniziando con le adulte, ma puntando a coinvolgere anche bambine e adolescenti.

Il reclutamento delle Brigantesse è aperto a tutte. Ma con alcuni consigli. «La fascia d'età va dai 16 ai 42 anni - spiega Sciuto - Ma, più si è adulte, più è preferibile avere una formazione sportiva, per evitare infortuni». Il tipo di background non è importante, che si venga da sport di contatto o dalla danza classica. «Di certo nel primo caso si è avvantaggiati, ma nel rugby servono tante capacità - continua l'allenatrice - Ci sono alcuni ruoli, ad esempio, in cui bisogna essere molto agili e usare il gioco di gambe. Resto convinta che l'elemento più importante sia la motivazione». Senza escludere la curiosità di chi, come primo contatto, preferisce fare un giro al San Teodoro e dare un'occhiata all'ambiente.

Il campo sarà aperto alle aspiranti rugbyste tutto l'anno. Ma, per chi ha intenzione di fare sul serio, sarà meglio seguire gli aggiornamenti sull'apposito gruppo Fb delle Brigantesse e tenersi pronte per fine agosto, inizio settembre. «Quando potremo cominciare la preparazione atletica, insieme ai ragazzi - spiega Sciuto - Verso la metà di settembre ci sarà poi una riunione operativa per contare le adesioni ufficiali e decidere se partecipare a un campionato». Il momento più divertente dello sport del terzo tempo. «Il rugby chiede tanto, ma dà tanto. Senti le compagne, il loro sostegno e ti diverti. Dentro e fuori dal campo». Momenti di aggregazione consigliati anche alle timide perché «il rugby ha questo di buono: le persone ti accolgono sempre a braccia aperte, che tu sia uomo o donna».

E lo sa bene Marinzia Sciuto, che si è quasi sempre allenata con gli uomini. «Ho cominciato a giocare a 33 anni, ma ero già appassionata fin da prima - racconta - In quel periodo facevo la spola tra Catania e Palermo e ho fatto i miei primi allenamenti con gli under 16 di una squadra palermitana in una cosa che non era nemmeno un campo, ma una sciara con le pietre». Dopo una parentesi con una squadra femminile di Messina, la più vicina al capoluogo etneo, Sciuto incontra i Briganti e inizia ad allenarsi con loro, allenando a sua volta i più piccoli.  «Andare a Messina significava partire da Catania alle 18 per tornare alle 2 di notte - racconta - Per le trasferte c'erano sempre pochi soldi, ma ricordo quei viaggi precari come uno dei periodi più belli della mia vita». «Oggi con i Briganti mi sono cominciate le crisi di identità - scherza - Quando vado al bagno non so più se sono uomo o donna. Sono diventati dei fratelli per me».

Ma l'idea di allenare ragazzine che poi non avranno una squadra in cui giocare ha spinto Marinzia Sciuto a fare di più e cercare di creare delle vere femminili etnee. Partendo dalla massima serie, ma con l'idea di allargare il progetto a bambine e adolescenti, anche e soprattutto di Librino. «Sta a noi adulte essere per loro dei modelli differenti - conclude l'allenatrice - Perché io sono certa che molti cambiamenti non possano avvenire senza passare dalla donne».

[Foto di Lucio Zogno]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews