Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ad Ambelia la protesta dei lavoratori dell'Incremento ippico
In otto messi alla porta. «Dalla politica promesse e bugie»

Dopo uno spiraglio di trattativa, l'applicazione di una legge regionale del 2019 ha imposto la rimodulazione della pianta organica. Così i dipendenti, con un'età media di 60 anni, si sono ritrovati sospesi. Intanto tra qualche giorno la palla passerà ai giudici

Dario De Luca

Vincitori di concorso, da 30 anni al servizio della Regione Siciliana, un'età media che ha già superato il giro di boa del mezzo secolo di vita e da tre giorni protagonisti un sit-in di protesta. L'identikit è quello di otto lavoratori dell'Istituto per l'incremento ippico, storico ente pubblico, con sede a Catania, alle dipendenze dell'assessorato regionale all'Agricoltura. Sotto i riflettori c'è una vicenda cominciata il 16 ottobre 2019, giorno in cui sulla pagine della Gazzetta ufficiale venne pubblicata una legge con cui il presidente della Regione Nello Musumeci intendeva «rimodulare la pianta organica» dell'ente. In sostanza un taglio che prevedeva il passaggio da 31 a 17 lavoratori e una rivisitazione del loro inquadramento nelle varie categorie lavorative. 

Passati quasi due anni si arriva al 19 luglio scorso, quando otto persone sono state collocate ufficialmente in disponibilità per un periodo massimo di due anni. In sostanza: sospensione delle obbligazioni inerenti il rapporto di lavoro e 24 mesi con un'indennità pari all'80 per cento dello stipendio. Terminato questo periodo sarà la volta dei saluti. Un epilogo a cui però i diretti interessati non vogliono rassegnarsi. Ecco perché tra le azioni intraprese c'è quella di un sit-in di protesta, cominciato il 3 settembre e terminato ieri, davanti i cancelli della tenuta di Ambelia, sede distaccata dello stesso istituto ma soprattutto fiore all'occhiello per le manifestazioni equestri organizzata dalla Regione. «Un luogo dove la Regione negli ultimi anni ha investito milioni e milioni di euro. Soldi che sono una vera enormità rispetto alla situazione in cui sono finiti questi lavoratori», spiega a MeridioNews Luca Crimi, segretario regionale Uil funzione pubblica. 

«Dietro questa scelta dell'istituto - continua - non c'è stato nessun accordo con i sindacati. Si è trattato soltanto di un atto unilaterale da parte dell'amministrazione». Uno spiraglio sembrava essersi aperto a inizio luglio con la sospensione, per 20 giorni, della messa in mobilità obbligatoria «per esaminare le problematiche inerenti i lavoratori». Dopo alcuni giorni, e scongiurata la prima annunciata protesta alla Fiera mediterranea del cavallo ad Ambelia, si è tenuto un incontro a Palermo con i vertici dell'assessorato. «Siamo stati presi in giro - incalza Crimi - ci avevano detto che avrebbero ripreso tutto il discorso e l'iter amministrativo ma a oggi siamo a un punto di non ritorno, all'interno di un vicolo cieco».

Cosa succederà adesso? Lavoratori e sindacati hanno cerchiato in rosso diverse date. Il 10 e 15 settembre sono state già fissate, dopo la presentazione di un ricorso, due udienze davanti ai giudici del tribunale amministrativo regionale. C'è poi il capitolo dell'Assemblea regionale siciliana con la richiesta di una convocazione congiunta davanti alla prima e la quinta commissione, rispettivamente quelle che si occupano di Affari istituzionali e Lavoro. «Su quest'ultimo fronte attendiamo ancora una risposta che, forse, arriverà a breve - conclude Crimi - Noi sicuramente continueremo con le nostre azioni di lotta anche perché a 60 anni queste persone sono tagliate fuori dal mercato del lavoro».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×