Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il libro sulla scomparsa di Martoglio arriva allo Stabile
Il 9 settembre sarà presentato Le tre porte di Gimbo

A cento anni dalla scomparsa dell'istrionico artista catanese, si cerca di far luce sul mistero che aleggia attorno alla sua morte. Nell'opera l'autore ha analizzato i fascicoli processuali, le testimonianze, i resoconti giornalistici dell'epoca

Alessia Sapienza

La vicenda mai chiarita della scomparsa di Nino Martoglio – poeta, drammaturgo, giornalista e animatore culturale a cavallo tra Ottocento e Novecento –, a cento anni di distanza, continua a tenere desta l’attenzione di studiosi e intellettuali. Le tre porte, ovvero la misteriosa morte di Nino Martoglio è il libro con cui il regista teatrale Elio Gimbo prova a ricostruire l’evento, allora frettolosamente archiviato come un semplice incidente. Il corpo di Martoglio fu ritrovato senza vita il 15 settembre del 1921 nel vano ascensore di uno padiglione in costruzione dell'ospedale Vittorio Emanuele di Catania, dove si era recato per far visita al figlio. Esattamente cento anni dopo, il Teatro Stabile di Catania ospita la presentazione del volume, edito da Villaggio Maori, in cui Gimbo, dopo un lavoro di quasi 2 anni, mette nero su bianco tutti i gli elementi della vicenda. L'autore, grazie all'aiuto di esperti medici e legali, ha analizzato tutti i fascicoli processuali, le testimonianze, i resoconti giornalistici e la pianta dell'ospedale. Il libro è articolato in tre diverse parti, tante quante le tre porte che avrebbe attraversato Martoglio prima di sprofondare nel vuoto. 

«Le tre porte è un'opera collettiva – dice Elio Gimbo intervenuto all’interno del programma Tuttoapposto di Antonella Insabella in onda sulle frequenze di Radio Fantastica del Gruppo RMB - io sono il portavoce di una splendida avventura che ha riguardato molte persone che, nel corso della mia indagine, si sono appassionate alla vicenda. L'obiettivo è quello di squarciare la tela che impediva da 100 anni di guardare a fondo e di scoprire la verità. Nino Martoglio – continua Gimbo - fu vittima di un omicidio maturato probabilmente all'interno dell'ospedale Vittorio Emanuele di Catania. L’occultamento del cadavere, il successivo scambio di persona e la rimozione del corpo avvennero senza l’intervento dell’autorità giudiziaria. L’insabbiamento delle indagini hanno avuto come unico obiettivo quello di fare coincidere la vittima con il colpevole, addebitando a Martoglio, in circostanze altamente improbabili, la causa che avrebbe causato una morte incidentale». 

La presentazione, in programma il 9 settembre alla Sala Verga del Teatro Stabile, che vedrà protagonista anche la professoressa Lina Scalisi che dialogherà con l’autore, anticiperà a tutti gli effetti un progetto speciale dedicato alle celebrazioni sull’autore che il Teatro Stabile ha in cantiere per il 2022. «Proseguiamo e proseguiremo nella nostra indagine su Martoglio - commenta la direttrice Laura Sicignano -, come abbiamo già fatto a partire dal 2019 con lo spettacolo Lu cori non ‘nvecchia, dallo studio sui suoi testi di Enzo Vetrano e Stefano Randisi, e producendo quest’estate ‘L’ultimo degli Alagona’, in cui proprio Elio Gimbo ha diretto un adattamento particolarissimo con il coinvolgimento dei Fratelli Napoli. Guardiamo al prossimo programma delle celebrazioni con l’intento di offrire al nostro pubblico una ricognizione insolita tra i testi del grande autore catanese, proponendoci di riscoprirne il carattere contemporaneo».  «Sono molto grato a tutti coloro che nel corso di questi anni si sono appassionati a questa vicenda – conclude Gimbo - trovando dentro le mie stesse motivazioni relative al riscatto di un grande maestro e di un grande cittadino. Considero Martoglio un grande esempio per la cultura catanese. Ringrazio il Teatro Stabile per questa presentazione che abbiamo pensato, modificato e rimandato più volte a causa dell'emergenza covid. È un onore presentare il libro nel maggior teatro cittadino».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×