Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

È morto a 91 anni il prefetto Vittorio Piraneo
Fu anche Commissario dello Stato in Sicilia

Il suo primo incarico nell'Isola fu a Enna nel 1984, poi Trapani e Palermo. Anche una volta andato in pensione, è stato chiamato a ricoprire incarichi delicati a Catania, a Gela e a San Giovanni la Punta. Il funerale sarà celebrato domani pomeriggio in Cattedrale

Redazione

È morto all'età di 91 anni il prefetto Vittorio Piraneo. Cultore del diritto è stato legato ai valori della Costituzione da cui si è fatto guidare nella sua carriera. Entrato giovanissimo nell'amministrazione dello Stato, dopo una prima breve ma formativa esperienza al Tesoro, visse alla prefettura di Torino il centenario dell'Unità d'Italia, per poi rientrare in Sicilia, a Catania. 

Nominato prefetto a Enna nel 1984, resse poi la delicata sede di Trapani fino al 1991, quando venne nominato Commissario dello Stato, ruolo che ha esaltato e incarnato con spirito di leale collaborazione nell'interlocuzione con l'Ars anche nella stagione delle riforme culminata con la legge sulla elezione diretta del sindaco. Dividendosi tra la sede dell'ufficio alla Kalsa e Palazzo delle Aquile, fu per qualche mese anche commissario al Comune di Palermo

Andato in pensione, fu ancora chiamato a ricoprire incarichi delicati tra cui quello di commissario al Comune di Catania e poi anche di Gela e di San Giovanni la Punta (nel Catanese), sciolto per mafia, e commissario straordinario per l'emergenza rifiuti. Nominato Cavaliere di Gran Croce dal presidente Scalfaro nel 1997, da pensionato ha vissuto a Catania pur essendo originario di Scordia. Lascia la moglie Maria Stella, i figli Giusy e Antonello, da tre anni direttore de La Sicilia. I funerali saranno celebrati domani alle 16.30 in Cattedrale a Catania.

«Per decenni - ha detto il sindaco di Catania Salvo Pogliese - il prefetto Piraneo è stato un saldo punto di riferimento delle istituzioni nell’isola, facendosi apprezzare per la competenza e l'equilibrio. In nome della legalità, da integerrimo servitore dello Stato, ha condotto azioni amministrative che hanno lasciato un segno nelle comunità, sia per la particolare sobrietà della condotta e sia per la devozione istituzionale dell’operato. Personalmente, come tanti altri catanesi - ha aggiunto il primo cittadino - conservo il ricordo diretto della sua illuminata guida del Comune, per quattro mesi, in una delicata fase di transizione, in cui spiccò per l’azione armonica e di collaborazione con la struttura burocratica comunale». 

«La vita intera dedicata al servizio dello Stato, la passione coltivata fino alla fine per il diritto e la cultura, l’amore per la famiglia e per la sua Isola, sempre nel cuore. Il prefetto Vittorio Piraneo - ha dichiarato il presidente della Regione Nello Musumeci - lascia una eredità significativa per le istituzioni della nostra regione».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×