Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica piena: 200 tonnellate di rifiuti tornano in città
Dusty: «Restano sui mezzi, così si rischia l'implosione»

Un semirimorchio, 15 autocompattatori e quattro casse sono rimasti bloccati fuori dai cancelli della Sicula Trasporti. «Meno della metà di ciò che si produce a Catania in un giorno», spiegano a MeridioNews dalla ditta. Guarda il video e le foto

Marta Silvestre

Venti mezzi stracolmi di spazzatura sono tornati indietro a Catania ancora pieni, dopo avere atteso invano di potere scaricare i rifiuti indifferenziati nella discarica della Sicula Trasporti.  Alle 9.15 di questa mattina 15 compattatori, un semirimorchio e quattro casse scarrabili della Dusty (la ditta che si occupa della raccolta nel capoluogo etneo e non solo) sono rimasti bloccati fuori dai cancelli del sito di Grotte San Giorgio che, di buon mattino, era già pieno. «Sui mezzi che sono tornati indietro - dicono da Dusty a MeridioNews - c'erano duecento tonnellate di rifiuti, meno di metà di quelli che si producono in un giorno solo a Catania». Città che quotidianamente supera le 500 tonnellate di indifferenziata

Cinque mesi dopo le prime avvisaglie sulla riduzione degli abbancamenti,  l'ufficialità era arrivata con una nota di due giorni fa che la società, da oltre un anno sotto amministrazione giudiziaria in seguito all'inchiesta Mazzetta Sicula, ha inviato agli oltre 250 Comuni dell'isola che conferiscono in discarica. Stando a quanto annunciato da Sicula Trasporti, superate le 600 tonnellate gli autocompattatori saranno costretti a tornare indietro. «Al momento, i mezzi carichi di rifiuti che sono tornati indietro - spiegano da Dusty resteranno nelle nostre casse di giacenza private». Una situazione che, però, non può andare avanti per più di qualche giorno. «Domani ci troveremo di fronte agli stessi cancelli e sarà peggio - preannunciano dall'azienda - perché ai rifiuti di oggi si aggiungeranno anche quelli del giorno». 

Munnizza che rischia di rimanere di nuovo a bordo dei mezzi che, però, servono anche la raccolta in città. «Al terzo giorno, si rischia l'implosione - è l'allarme lanciato dall'azienda - E il rischio è di non riuscire a raccogliere la spazzatura che i cittadini buttano nei cassonetti o lasciano davanti alle abitazioni e alle attività commerciali». Stando a quanto risulta a MeridioNews, proprio in questo momento, sarebbe in corso un incontro tra l'azienda e il Comune per trovare una soluzione alla questione e anche in tempi brevi. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×