Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Capomulini, seduti al ristorante in più di quattro persone
All'arrivo della polizia clienti si alzano e si allontanano

Gli agenti hanno disposto la chiusura dell'attività di ristorazione per cinque giorni e sanzionato il titolare per quattrocento euro. Tra le contestazioni anche il fatto che i tavoli fossero posizionati a una distanza troppo ravvicinata

Redazione

Quando gli agenti sono arrivati molti dei clienti ha cercato di allontanarsi, consapevoli di trovarsi in una situazione che non rispettava le prescrizioni anti-Covid. La scena si è svolta a Capomulini, frazione marinara di Acireale, nel Catanese. La polizia amministrativa ha disposto la chiusura di un locale sul lungomare, dopo avere trovato un'ottantina di clienti seduti ai tavoli posizionati troppo ravvicinati.

Dai controlli è emerso che in molti casi ai tavoli si trovavano più di quattro commensali, a dispetto di quanto previsto dalle attuali norme per il contenimento della pandemia in zona gialla. I clienti, per cercare di rendere più difficile le verifiche, in molti casi si sono alzati dal proprio posto. Al titolare è stata contestata anche l'organizzazione di una serata musicale con un duo canoro che eseguiva brani dal vivo, nonostante le restrizioni imposte dall'ultimo Dpcm.

Al termine dei controlli, la polizia ha disposto la chiusura per cinque giorni dell'attività e la multa da 400 euro.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×