Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piscina via Zurria, entrano i ladri e salta l'apertura
«Fatta la denuncia, ripartiamo la prossima settimana»

La struttura pubblica già da ieri, quando era previsto l'open day, avrebbe dovuto accogliere gli appassionati di nuoto. Tutto però è stato posticipato. Le forze dell'ordine hanno acquisito le immagini di videosorveglianza per risalire ai responsabili

Redazione

Gli amanti del nuoto, grandi e bambini, dovranno attendere ancora qualche giorno prima di tuffarsi in acqua nella piscina di via Zurria, nel quartiere di San Cistoforo. L'attesa doveva interrompersi ieri con l'open day che sarebbe dovuto essere l'antipasto per l'inizio delle attività da oggi, e invece sarà prolungata perlomeno fino alla prossima settimana. All'origine del ritardo c'è un episodio di cronaca nera: qualcuno, infatti, ha forzato l'ingresso della piscina portando via degli oggetti. Non è ancora chiaro l'ammontare dei danni, non dovrebbero essere molti ma quanto basta per differire l'avvio del servizio. 

Stando a quanto appreso da MeridioNews, i ladri avrebbero forzato anche l'ingresso degli uffici comunali che ospitano l'anagrafe e che si trovano nello stesso complesso in cui si trova la piscina. «Abbiamo fatto denuncia e le forze dell'ordine hanno acquisito le immagini delle telecamere di vidosorveglianza - fanno sapere dalla società Nuoto Catania che gestisce la struttura -. Non si è trattato di un furto importante, ma comunque ha creato fastidi. Adesso speriamo che dalla prossima settimana possiamo finalmente riaprire le porte e partire con i turni».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×