Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, quattro arresti per tentata estorsione
La pretesa una buonuscita da 11mila euro

Si dimette dalla ditta di noleggio mezzi del Catanese per cui lavora. Ma, subito dopo, all'ex datore cominciano ad arrivare strane visite, telefonate e minacce: in quattro vogliono costringerlo a pagare un trattamento di fine rapporto superiore al dovuto. L'uomo denuncia i fatti alla polizia ma, intanto, l'ex dipendente insieme a un complice lo aggredisce fisicamente. Tra lunedì e ieri sono stati tutti arrestati

Redazione

Non solo assunzioni. Il potere della mafia etnea sulle aziende locali arriva a controllare l'intero ciclo del personale. Come nel caso di Salvatore Cosimo Scuto, arrestato lunedì dalla polizia etnea per tentata estorsione aggravata ai danni del suo ex datore di lavoro, un imprenditore catanese proprietario di una ditta di noleggio mezzi. Un rapporto di lavoro interrotto per volontà dello stesso Scuto che dà le dimissioni ma decide di farci la cresta. Aiutato, secondo gli investigatori, da altri tre uomini: Giovanni Papa, pregiudicato arrestato insieme a Scuto; Alfio Concetto Saitta, pregiudicato anche lui, e Andrea Diego Cutuli, entrambi arrestati ieri sera dalla squadra mobile etnea.

Andrea Diego Cutuli, classe 1987

Giovanni Papa, classe 1981, pregiudicato

Salvatore Cosimo Scuto, classe 1966

Alfio Concetto Saitta, classe 1984, pregiudicato

Subito dopo le dimissioni del lavoratore, l'imprenditore comincia a ricevere strane visite. Alcuni uomini lo avvicinano per convincerlo a corrispondere a Scuto la somma di undicimila euro, un trattamento di fine rapporto superiore al dovuto. Davanti alle resistenze del proprietario della ditta, le visite si fanno sempre più insistenti, alcune volte alla presenza dello stesso ex lavoratore. Impossibile non capire il tenore di quegli appuntamenti. «Se vuole tornare a casa tranquillo...», minacciano l'imprenditore in un'occasione Saitta e Cutuli, secondo le indagini della procura etnea. «Io la sto aspettando qua ed è meglio che non passa», gli dice al telefono Papa, arrivato in azienda insieme a Scuto per l'ennesima visita, ma non trovando presente l'ex datore di lavoro.

L'imprenditore, intanto, a fine maggio denuncia le minacce. Cominciano le indagini, continuano le visite - stavolta controllate dalla polizia - e davanti al continuo rifiuto dell'uomo a pagare i quattro uomini si fanno più aggressivi. Il 5 agosto Scuto, insieme a Papa, torna ancora all'azienda di noleggio mezzi. Ma questa volta fa passare alle vie di fatto il proprio accompagnatore, che aggredisce l'imprenditore con calci e pugni. Gli agenti della squadra mobile, nascosti nelle vicinanze in servizio di appostamento, intervengono e arrestano i due uomini. Ieri sera il cerchio si chiude con la cattura degli altri due complici, Saitta e Cutuli. I quattro sono adesso detenuti con misura cautelare nel carcere di piazza Lanza.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×