Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le ruspe abbattono il ponte Gioeni
«Salutiamo un pezzo di storia della città»

Costruito negli anni '60, faceva da padrone alla Circonvallazione di Catania, ma da oggi non c'è più. Sono iniziati questa notte i lavori di abbattimento, pezzo dopo pezzo, sotto gli occhi curiosi dei catanesi che si dividono tra pro e contro. Tutti però, lo considerano parte della loro vita e di quella di Catania. Guarda le foto e il video

Desirée Miranda

Sono iniziati in nottata i lavori di abbattimento del ponte Gioeni, prima del previsto, ovvero le prime ore del mattino. «Sono passato verso le 23 e già stavano facendo qualcosa», racconta un uomo che lavora nella zona. Un ponte considerato pericoloso dal punto di vista della sicurezza, soprattutto antisismica, e poco funzionale per i camion di grossa mole che ogni tanto rimanevano incastrati sotto. Così, dopo alcune discussioni, la nuova amministrazione ha deciso di invertire la rotta tracciata dal predecessore Raffaele Stancanelli e preferire l’abbattimento alla ristrutturazione. Dopo due giorni di preparazione e deviazione del traffico veicolare, dunque, questa mattina gli operai della ditta acese Tosa appalti srl, hanno iniziato a sgretolare il vecchio ponte.

&feature=youtu.be&hd=1

Faceva compagnia ai catanesi dagli anni '60 e la sua demolizione divide la cittadinanza tra favorevoli e contrari. Diverse le motivazioni: qualcuno è d’accordo per motivi estetici, come un signore venuto apposta ad assistere all'evento. Alle 7 del mattino è già in prima fila a cercare di cogliere ogni attimo. Un po’ emozionato, parla con chiunque gli stia accanto ripetendo: «Non ci sono dubbi sulla valenza di tale operazione. Come è accaduto con l’abbattimento del ponte di Ognina la zona sarà rivalutata completamente. Non vedo l’ora». Anche il signor Vito che quasi ogni giorno scende a piedi fino in via Etnea dalla zona Due obelischi, è convinto che sia un bene togliere il ponte, seppure se ne dispiaccia e lamenti le modalità di svolgimento dell’operazione. «È un pezzo della storia di Catania, mi piange un po’ il cuore vederlo abbattere dopo averlo visto costruire, ma se è pericoloso è giusto - prosegue - Io che ho lavorato tanti anni all'estero, però, non capisco perché lo stiano sbriciolando così. Serviva una micro carica esplosiva piazzata come si deve per farlo crollare tutto subito».

Per la signora Elvira, abitante della zona, la validità dell’operazione, invece, sta tutta nelle migliorie che ne trarrà il traffico: «Ne giova la viabilità. E poi ogni volta i camion troppo grossi rimanevano incastrati, non va bene». Nella chiacchierata con la sua compagna improvvisata con un’altra abitante della zona, la signora Concetta, difende le scelte del sindaco Bianco sia in questo inizio di amministrazione che in quelle precedenti. Concetta però, non è per nulla d’accordo con il pensiero della sua interlocutrice e si dice molto dubbiosa sulla validità di questa operazione, perché «ingegneri importanti hanno detto che bastava ristrutturarlo, era fatto bene. Bianco ha deciso di abbatterlo solo perché deve fare il contrario di Stancanelli?», si chiede.

Anche i proprietari di uno dei bar della zona si dicono contrari. Da una parte perché la deviazione del traffico porta meno clienti, «ma questo problema speriamo di risolverlo presto», dicono, dall’altra perché sono convinti che in città ci siano altre priorità. «Il ponte poteva stare ancora, era meglio usare i soldi per cose più importanti come le scuole», dice la signora dietro il bancone mentre il marito serve il caffè a un cliente. Questo a sua volta annuisce convinto, beve e mentre se ne va, oltre a salutare i baristi lamenta: «A cianu a manciugghia». E tra i pro e i contro c’è anche qualche indeciso perché da una parte è dispiaciuto, dall’altra si fida dell’amministrazione comunale. «Certo che secondo me poteva stare un altro po’ di anni, mi pareva buono, ma se hanno deciso così», dice un uomo di passaggio con la sua moto fermatosi qualche minuto per guardare.

Passano le ore e sempre più sono i curiosi che all'ombra di un cornicione e di una pianta guardano da lontano questo evento storico per la città. Qualcuno non resiste ed entra nell'area cantiere per l'ultima foto. Il traffico veicolare è scarso e scorre fluido e c’è solo qualche piccolo rallentamento legato anche al fatto che la gente si sofferma a guardare. Poche ore ancora e il ponte lascerà il posto a tante macerie prima e ad una rotatoria ellittica dopo.

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

Abbattimento del ponte Gioeni

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×