Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Teatro Stabile, folla ai botteghini in attesa della ripresa
Sicignano: «Si conferma la storia d'amore con la città»

Venti gli spettacoli in programma nella nuova stagione. Il primo avrà come protagonista sei donne ed è ambientato nella Seconda guerra mondiale. La direttrice: «Il teatro ci è mancato moltissimo ma adesso siamo tornati»

Alessia Sapienza

«La grande affluenza di pubblico al botteghino conferma che il teatro c'è ed è vivo e conferma che la gente ha voglia di entrare nelle sale per emozionarsi, riflettere e per stare insieme». Laura Sicignano, direttrice dello Stabile di Catania, non ha dubbi: il pubblico vuole tornare a teatro dopo tutti i mesi di chiusura imposti dall'emergenza Covid-19. La campagna abbonamenti ha preso il via da pochi giorni, ma i numeri fanno ben sperare. Sono stati numerosi, infatti, gli abbonamenti già sottoscritti. «Il teatro ci è mancato moltissimo - ha dichiarato la direttrice intervenuta all'interno del programma Tuttaposto di Antonella Insabella in onda sulle frequenze del Gruppo Rmb - L'impossibilità di incontrare il nostro pubblico ha vanificato i nostri sforzi e il nostro lavoro, ma adesso siamo tornati. L'affluenza altissima al botteghino conferma la storia d'amore tra la città e lo Stabile».

Guardate le stelle è il titolo della nuova stagione. Un titolo ispirato allo scienziato Stephen Hawking e che è anche un messaggio di speranza, di bellezza e di fiducia nel futuro dopo i momenti di grande incertezza che abbiamo vissuto. Venti i lavori in cartellone. A inaugurare sarà Donne in Guerra, spettacolo scritto a quattro mani dalla direttrice Sicignano, che ne cura anche la regia, e da Alessandra Vanucci.

«Caratterista principale di questo spettacolo è la rivoluzione dell'impostazione dello spazio scenico che gli spettatori vedranno capovolto - continua la Sicignano - Lo spettacolo inizia sul palcoscenico ma, sin da subito, integra attori e pubblico nella stessa storia. Gli spettatori saranno coinvolti al cento per cento. Sulla scena saranno presenti sei protagoniste straordinarie: Federica Carruba Toscano, Egle Doria, Isabella Giacobbe, Barbara Giordano, Leda Kreider e Carmen Panarello. La storia è ambientata nell'estate del 1944 e racconta le vite di queste donne durante la Seconda guerra mondiale e quali sono stati i sacrifici fatti per ricostruire il nostro paese dopo il grande conflitto. La memoria - prosegue - - è importantissima e noi siamo l'ultima generazione che ha avuto racconti diretti di questa guerra e credo che in qualche modo dobbiamo raccontarli a nostra volta». Lo spettacolo andrà in scena dal 28 settembre al 29 ottobre.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×