Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Due condanne ma continuava a maltrattare i genitori
Ha pure tentato di soffocare la madre con un cuscino

Una coppia di 60enne di Pedara viveva segregata in camera da letto per evitare di incontrare il figlio, abituale assuntore di sostanze stupefacenti. L'uomo adesso è stato condotto in carcere dopo un'inchiesta della procura etnea

Redazione

La procura di Catania, nell’ambito di indagini a carico di un 35enne, indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia, ha richiesto e ottenuto nei suoi confronti la misura cautelare della custodia in carcere, eseguita dai carabinieri della stazione di Pedara, in provincia di Catania. Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno fatto luce sulla condotta illecita posta in essere dall’uomo nei confronti del padre e della madre, rispettivamente di 63 e 60 anni.

L’indagato, nonostante fosse stato già condannato per due volte per il medesimo titolo di reato commesso sempre ai danni dei genitori, nel corso della convivenza con i congiunti ha reiterato le azioni vessatorie poste in essere giornalmente anche in stato di alterazione a seguito dell’assunzione di stupefacenti.

Comportamenti consistiti nell’appellare la madre col termine «zingara» e nell’inveire contro padre e madre con parole offensive del tipo «porci, pugno di bastardi»; nel minacciarli di morte, dicendo loro che li avrebbe fatti morire tra atroci sofferenze; in un’occasione, nel tentare di soffocare la madre tenendole un cuscino contro il viso e bloccandole il polso; in un’altra occasione afferrandola per i polsi.

Condotte che hanno costretto i genitori a vivere in un costante stato di sottomissione e di timore per la loro incolumità, chiusi nella propria camera da letto al fine di sottrarsi alle condotte minacciose, violente e ingiuriose del figlio, mutando anche gli orari dei pasti allo scopo di non incontrare il figlio e, infine, decidendo di trasferirsi in un’altra abitazione, non comunicandogli l’indirizzo.         

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×