Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un'opera di Pippo Fava sarà in una missione spaziale
«Messaggi di legalità anche nei progetti internazionali»

Una miniatura di un quadro realizzato dal giornalista che oggi avrebbe compiuto 96 anni e un estratto della terra del Giardino di Scidà saranno nella Moon Gallery, progetto che comprende 64 opere di artisti di tutto il mondo

Carmelo Lombardo

Una riproduzione in miniatura di un quadro a olio di Giuseppe Fava e un estratto di terra del Giardino di Scidà comporranno le 64 opere di Moon Gallery, progetto internazionale che sarà presente all'interno di un prototipo che sarà inviato sulla Luna. «Lavoriamo a questa iniziativa da due anni, da quando in un meeting internazionale sono venuto a conoscenza del progetto», racconta Giuseppe Andreozzi a MeridioNews. 

Responsabile dell'archivio della Fondazione Fava e genero del giornalista siracusano ucciso dalla mafia nel 1984, Andreozzi spiega che la natura dell'iniziativa è quella di volere esportare anche in importanti eventi internazionali messaggi di «assoluta sostenibilità e di buon comportamento. A febbraio 2022 ci sarà un volo di prova sulla base internazionale. Tutta la missione sarà coordinata dall'astronauta Samantha Cristoforetti. Si tratta di un micro alveare con delle cellette: ognuna di queste conterrà un contributo di un artista di tutto il mondo. Sono contento che questa mia proposta sia stata accettata dalla Fondazione Fava». La miniatura che andrà sulla stazione fissa sarà Studio sul Dolore, un'opera realizzata dallo stesso giornalista che oggi avrebbe compiuto 96 anni.

Moon Gallery è un'organizzazione culturale che promuove la cooperazione interdisciplinare e lo scambio di conoscenze tra i settori creativo e artistico, da un lato, e la tecnologia dall'altro. L'obiettivo è quello di stimolare attività supportando progetti innovativi di artisti di varia estrazione. In questo caso, in particolare, con l'iniziativa voluta dalla Fondazione Fava con l'invio dei due elementi nella Moon Gallery è quello di trasmettere il messaggio sulla necessità di creare, anche e soprattutto nella colonizzazione lunare e spaziale, nuovi modelli di sviluppo realmente sostenibili liberando la società dalla corruzione e dalla violenza denunciate da Fava con le sue inchieste.

«Insieme alla miniatura , abbiamo deciso di inviare anche un campione della terra del Giardino di Scidà - conclude Andreozzi - Durante i colloqui con uno dei responsabili di Moon Gallery abbiamo appreso che le pietre lunari hanno l'odore della polvere da sparo, lo stesso che aveva il giardino di Scidà (bene confiscato alla mafia e oggi gestito da un gruppo di associazioni, tra cui i Siciliani giovani e la Fondazione Fava, ndr) quando venne tolto alla famiglia mafiosa dei Santapaola». L’obiettivo finale del progetto è che la galleria miniaturizzata trovi sistemazione definitiva nella stazione lunare fissa che sarà costruita nei prossimi anni.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×