Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La maxi rissa a piazza Currò, ferito pure un poliziotto
Arrestato giovane. Dal telefono identificati i complici

Hanno un nome e cognome i protagonisti della colluttazione avvenuta sabato sera. Si tratta di incensurati residenti nel quartiere San Cristoforo. Dietro i fatti potrebbe esserci un controllo di un agente in borghese. Guarda il video

Dario De Luca

Tavoli lanciati in aria e colpi di casco al volto. Un concentrato di violenza con una piazza trasformata in una sorta di ring. I fatti, come dimostrano alcuni video pubblicati su Tik Tok, sono stati immortalati dagli smartphone sabato sera in piazza Currò, nel cuore del centro storico di Catania a due passi dal mercato della Pescheria. Secondo quanto verificato da MeridioNews, la tensione sarebbe salita dopo il tentativo da parte di un agente fuori servizio di controllare alcuni giovani. A insospettire il poliziotto, sarebbe stata una discussione in cui si faceva riferimento a un'arma, forse una pistola. Dai sussurri si è passati all'azione con una rissa che ha creato non poco scompiglio, coinvolgendo anche altri ragazzi. 

Tra le persone colpite, oltre al poliziotto, anche un giovane. Sul posto, sono intervenute ambulanze del 118 e anche alcune pattuglie del reparto Volanti della polizia. Immediatamente è scattata la caccia ai responsabili. Un ragazzo - quello che nel video è ripreso mentre lancia un tavolo - sarebbe il promotore della rissa. Alla vista degli agenti, il giovane ha tentato la fuga a piedi, salvo poi essere bloccato nei pressi della Pescheria. L'uomo, stando a quanto risulta a questa testata, è stato condotto agli arresti domiciliari in attesa dell'udienza di convalida. Dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rifiuto di fornire le proprie generalità.

Nelle fasi successive all'arresto, i poliziotti hanno proceduto a sentire a sommarie informazioni alcuni tra i presenti. Decisivo si è rivelato uno smartphone, forse caduto a uno degli aggressori. Dal dispositivo, e attraverso i profili social, si è risaliti agli altri tre componenti della banda. Si tratta di giovani incensurati, tutti residenti nel quartiere San Cristoforo. Tra i feriti, invece, non c'è il titolare di un noto pub presente in zona. «Si tratta di un vile atto di violenza nei confronti di un collega dell'ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico - spiega a MeridioNews Alessio Poidomani, segretario provinciale del sindacato di polizia Usip di Catania - L'agente era libero dal servizio ed è intervenuto a controllo di alcuni soggetti, avendo avuto la percezione che uno fosse armato. Il collega - aggiunge - dopo essersi qualificato, mentre tentava di richiedere l'ausilio degli equipaggi di polizia, è stato aggredito dal gruppo di delinquenti che lo hanno colpito ripetutamente con caschi, tavoli e sedie».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×