Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un buon Catania torna con un pareggio da Catanzaro
Etnei puniti da un rigore inesistente per fallo di mano

Vantaggio con una splendida punizione di Russini. Poi il pari dopo il fallo, chiaramente fuori area, di Calapai. Dopo tre sconfitte consecutive gli uomini di mister Baldini iniziano a respirare anche se la classifica rimane ferma

Antonio Costa

Un punto d’oro che muove la classifica, ma che lascia l’amaro in bocca per un episodio che farà discutere anche nei prossimi giorni. Il Catania strappa un pareggio più che meritato sul campo del Catanzaro, ma torna a casa con la certezza di aver subìto un’ingiustizia palese sul rigore concesso ai calabresi per un fallo di mano di Calapai ravvisato in area solo dal direttore di gara. Finisce quindi 1-1 al Ceravolo, dove pur partendo come vittime sacrificali i rossazzurri hanno stupito e colto di sorpresa anche i padroni di casa, andati sotto pochi minuti dopo il fischio d’inizio.

A realizzare la rete del Catania quel Russini scelto da mister Baldini per sostituire l’infortunato Ceccarelli, protagonista di una pennellata su punizione che ha lasciato a bocca aperta il portiere avversario. E stasera si è vista la mano del tecnico rossazzurro, bravo a rivoluzionare parte dell’undici titolare, puntando pure su Zanchi, Greco e Piccolo dal primo minuto. Tra le sorprese anche Sala, che in realtà è una conferma se si considera la bella partita disputata sempre a Catanzaro, ma in Coppa Italia, nell’altra occasione concessagli in questa stagione, prima di tornare a puntare su Stancampiano.

È arrivato anche il riscatto di Monteagudo, pronto a blindare le offensive del Catanzaro senza dar l’idea di avere sulle spalle il peso dell’erroraccio a tempo scaduto che aveva dato il là alla sconfitta interna degli etnei contro il Bari. Il punto di stasera permette così al Catania di respirare e ritrovare un po’ di morale, dopo tre sconfitte consecutive, ma che poco o nulla cambia per la classifica di Calapai e compagni, ancora in piena zona retrocessione con soli quattro punti. Un’iniezione di fiducia che sarà certamente vana se nelle prossime due partite di campionato, contro Turris e Picerno, non ne arriveranno almeno altrettanti.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×