Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Turno infrasettimanale con sconfitta per il Calcio Catania
Turris si impone per 4-3. Espulsi Russini e mister Baldini

Gli etnei sono ancora in piena zona retrocessione. Proteste per le scelte arbitrali che già avevano penalizzato i rossazzurri nella partita contro il Catanzaro. Prossimo impegno contro il Picerno

Antonio Costa

Un vero e proprio incubo, dal quale sembra già difficile uscire anche sul piano sportivo malgrado siano passate solo sei giornate di campionato. Lo vivono i tifosi del Calcio Catania, ma lo è soprattutto per la squadra rossazzurra, sconfitta oggi 4-3 nel turno infrasettimanale di campionato, sul campo del Massimino, da una Turris non certo irresistibile.

Il caos regna ormai sovrano da tutti i punti di vista per gli uomini di Francesco Baldini, impotente non solo davanti alle discutibili scelte arbitrali che ormai da alcune giornate influenzano non poco le partite della formazione etnea, ma anche per le leggerezze dei suoi uomini nei momenti chiave della partita. Quello che preoccupa è soprattutto la precaria tenuta mentale dei rossazzurri, andati in vantaggio con un gran goal di Moro e subito raggiunti dagli ospiti, con Giannone bravo ad approfittare dell’ennesimo errore difensivo degli etnei, commesso stavolta da Ropolo.

Una partita da dimenticare anche per Russini, protagonista a Catanzaro di una splendida rete e oggi cacciato dall’arbitro con due gialli in pochi minuti, di cui uno certamente fuori luogo. Le speranze di portare dei punti a casa per il Catania sono praticamente finite lì, perché a fine primo tempo Leonetti ha regalato alla Turris il sorpasso, seguito dall’espulsione di mister Baldini, furibondo per le decisioni del direttore di gara.

Inutili con un uomo in meno i tentativi di reazione dei padroni di casa nella ripresa, nella quale i campani si sono trovati per due volte avanti di due reti grazie a Santaniello ed Esempio, rendendo vane la doppietta personale di Moro e il primo goal stagionale di Kevin Biondi, entrambi bravi a riaprire la partita. Al fischio finale sono comunque arrivati degli applausi per i rossazzurri, tornati a capo chino negli spogliatoi, dove la squadra è rimasta in silenzio lasciando l’incombenza dei commenti post-partita al responsabile dell’area sportiva del club, Maurizio Pellegrino. Lunedì prossimo il Catania tornerà in campo per affrontare il Picerno nel posticipo della settima giornata, ma già oggi dovrà trovare il modo per digerire l’ennesimo boccone amaro di questa stagione e cercare una rapida soluzione per uscire dalle sabbie mobili della zona retrocessione.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×