Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, via le barricate, passano i mezzi Usa
Attivisti: «Il Comune di Niscemi li ha aiutati»

Questa mattina alle 7.30 polizia, alcuni operai e mezzi dell'amministrazione niscemese si sono presentati in contrada Ulmo per smantellare pezzo dopo pezzo il blocco stradale dei manifestanti. Subito dopo, un convoglio statunitense ha trasportato dentro la base «filo spinato, generatori di corrente ed altri materiali non identificati», utili ai lavori per la costruzione delle antenne militari satellitari. «Così abbiamo capito da che parte sta questo consiglio comunale», dicono i manifestanti

Redazione

«L’utilizzo di mezzi del Comune di Niscemi dimostra inequivocabilmente da che parte sta questa amministrazione e questo consiglio comunale». Non sembra esserci più spazio per il dialogo tra i No Muos che si battono contro l'installazione delle antenne militari Usa nel Nisseno e gli amministratori della stessa cittadina. La rottura definitiva, cominciata con l'avviso di sgombero dell'aula consiliare occupata dai No Muos dal 24 luglio, è arrivata stamattina. Quando proprio i mezzi comunali - scortati da un nutrito gruppo di agenti di polizia in tenuta antisommossa - hanno provveduto a smontare la barricata costruita dagli attivisti per bloccare il passaggio verso la base dei camion carichi di materiali per ultimare i lavori del Muos.

http://youtu.be/s8pwfwi82k8

Sono le 7.30 di questa mattina quanto in contrada Ulmo, a Niscemi, si presentano 80 unità del reparto celere, secondo i racconti degli attivisti, e alcuni mezzi del Comune di Niscemi. Gli operai portano via, pezzo dopo pezzo, assi di legno, pneumatici e quanto i No Muos avevano posto come barriera di fortuna per evitare il transito dei mezzi statunitensi. Gli stessi che dovrebbero completare il grande impianto militare di antenne satellitari dopo il sostanziale via libera della Regione Sicilia con il passo indietro del governatore Rosario Crocetta. Una volta caduta la barricata, tra gli insulti degli attivisti, sfilano camion carichi di «filo spinato, generatori di corrente ed altri materiali non identificati», raccontano i No Muos.

http://youtu.be/1iwa1Smd7MM

«Il filo spinato a quanto pare serva a recintare le antenne una per una - comunicano in seguito - I lavori sono già iniziati». Forse una precauzione per evitare nuove incursioni degli attivisti nella base che più di una volta sono riusciti a sfondare le reti e ad arrampicarsi sulle più di 40 antenne già esistenti. L'ultima volta l'8 agosto, il giorno prima della manifestazione nazionale No Muos che ha dato via a una serie di occupazioni di Comuni isolani e alla frattura con l'amministrazione niscemese. «Aspettavamo delle risposte dal sindaco, che questa mattina si è presentato con dei vigili urbani, dicendoci che “non c’è spazio per trattative“, finché occupiamo l’aula», raccontava il 14 agosto Fabio D’Alessandro, tra gli attivisti che occupano l'aula dal 24 luglio.

Tra le richieste formulate al primo cittadino Francesco La Rosa anche quella di poter utilizzare l'aula consiliare - o un'altra della struttura - per le attività del movimento. Una richiesta di vicinanza concreta  e collaborazione reale con il movimento, al di là della vicenda giudiziaria che vede ancora il Comune di Niscemi impegnato in un ricorso contro la costruzione Usa. Ormai l'ultimo atto da consumarsi nelle aule di un tribunale, dopo la delusione politica del passo indietro del governatore regionale Crocetta sulla revoca delle autorizzazioni al lavori, che ha anche fatto cadere l'altro ricorso che vedeva impegnata la Regione contro il Ministero della Difesa italiano.

[Foto del profilo No Muos su Facebook]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews