Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La malamovida del centro storico sul tavolo della prefettura
Le richieste dei residenti e i «progetti concreti» di Pogliese

Musica che raggiunge volumi da discoteca, Ztl che esistono solo sulla carta e assembramenti. Su questo si sono confrontati i cittadini e le istituzioni locali. I comitati continuano a protestare mentre il sindaco promette interventi risolutivi. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Schiamazzi notturni, inquinamento acustico, il mancato rispetto della zona pedonale e l'uso di sostanze stupefacenti. La vita notturna continua a essere un serio problema per la città e le istituzioni che, dopo le numerose segnalazioni dei residenti delle zone della movida, provano a trovare qualche soluzione. I comitati cittadini, però, non mollano la presa. Mercoledì, in occasione del tavolo tecnico convocato dalla prefetta Maria Carmela Librizzi per intensificare le misure di prevenzione e controllo nelle zone della movida del capoluogo etneo, i residenti hanno tenuto un sit-in davanti via della prefettura

Al centro della protesta, la mancata convocazione al tavolo degli stessi comitati. «Avevamo più volte chiesto alla prefetta di essere convocati - spiega a MeridioNews Irene Raineri del comitato Centro storico - ma il primo confronto è avvenuto solo ieri». In quello che è stato «un incontro in cui ci hanno esposto gli obiettivi raggiunti durante il tavolo tecnico», sintetizza Raneri. Stando a quanto riferisce il sindaco Salvo Pogliese, intercettato dal nostro giornale davanti alla prefettura, «si è parlato di progetti concreti». In primo luogo, nelle intenzioni dell'amministrazione ci sarebbe il ripristino e la messa in funzione delle Ztl, finora esistenti quasi solo sulla carta. «Attraverso la rimodulazione dei Pon metro - sostiene il primo cittadino - abbiamo stanziato tre milioni e mezzo di euro, che ci permetteranno di implementarne di nuove e, in un anno, riusciremo ad arrivare alla compiuta definizione». 

In attesa del completamento dei lavori, l'Amts «stanzierà 80mila euro per il controllo di alcuni varchi in via Etnea, piazza Università, Quattro canti, piazza Stesicoro e San Giovanni Licuti». Per il momento, però, le zone in cui si è alimentata la polemica destano solo un interesse residuale. «Entro un paio di mesi - prosegue Pogliese - individueremo una strada simbolica tra via Gemmellaro, via Pulvirenti e piazza Currò, per estendere la zona a traffico limitato». Inoltre, nei programmi c'è l'assunzione di 16 agenti di polizia locale che si aggiungono ai 30 assunti a dicembre 2020 e a cui a breve, almeno stando alle dichiarazioni del sindaco, dovrebbe essere prorogato il servizio. «Questo - dice Pogliese - ci permetterà di vigilare il territorio con almeno sei pattuglie. Al momento - ammette - ne abbiamo solo tre». 

Annunci che sembrano rispecchiare le richieste dei residenti, sebbene con qualche piccola deviazione di percorso che, per esempio, non prevede i controlli alle attività commerciali di via Gemmellaro, per verificare la regolarità delle emissioni acustiche e il possesso di tutta la documentazione valida a ottenere la Scia, ovvero la certificazione di inizio attività. «Perché molti locali non hanno nulla di tutto questo», sostiene Raineri. «Per quelli dobbiamo aspettare ancora, ma - assicura Pogliese - li faremo. Dobbiamo attendere l'Arpa per verificare se il volume delle onde sonore corrisponde a quello regolamentato». A fare una prima stima dei valori, intanto, sono stati i residenti della zona: «Il regolamento del Comune parla chiaro - sostiene Raineri - il limite è di 65 decibel, in via Gemmellaro si sfiorano i 95, quasi come in discoteca dove si raggiungono i 110 decibel».

I comitati cittadini - Gemmellaro-Sciuti, Bellini, Comitato dell'indirizzo e associazione Centro storico Catania - hanno richiesto presidi interforze efficaci nelle ore notturne e nei fine settimana in tutte le aree del centro storico più esposte al fenomeno della malamovida; la riduzione degli orari di somministrazione di alcolici e di chiusura degli esercizi per evitare comportamenti  trasgressivi della sicurezza e quiete pubblica; in ultimo, le interdizioni delle emissioni musicali all’esterno e all’interno dei locali che producono fenomeni di assembramento.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×