Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Niscemi, i No Muos lasciano l'aula consiliare
Gli attivisti: «Il Comune complice degli Usa»

Gli attivisti avevano occupato l'aula consiliare del Comune lo scorso 24 luglio. Ma dopo le rimozioni forzose delle barriere stradali in contrada Ulmo, poste per impedire il passaggio dei mezzi pesanti diretti alla base Usa, i manifestanti hanno deciso di lasciarla e spostarsi in un ufficio. «L’intero consiglio comunale si è dimostrato inadeguato ad affrontare la questione Muos e il sindaco ha concesso l’utilizzo di mezzi comunali per distruggere le barricate», spiegano in una nota

Redazione

Dopo 31 giorni di occupazione, il comitato No Muos di Niscemi lascia l'aula consiliare. Gli attivisti non hanno però abbandonato la sede del Comune nisseno. «Questa notte ci siamo spostati in un ufficio al piano terra, accessibile anche dell'esterno dell'edificio», spiega Fabio D'Alessandro, uno dei militanti più attivi nella lotta contro la costruzione del mega impianto di antenne satellitari dell'esercito degli Stati uniti d'America all'interno della riserva naturale Sughereta, a pochi chilometri dal paese. La scelta è motivata dalla mancanza di dialogo con il consiglio comunale, così come spiegano in un comunicato inviato in tarda notte. «L’intero consiglio comunale si è dimostrato inadeguato ad affrontare la questione Muos, non prendendo mai una posizione politica netta e ponendosi spesso in contrasto con il comitato», spiegano gli attivisti.

Ma le critiche più forti sono dedicate al sindaco Francesco La Rosa, che «nonostante a parole si sia sempre dichiarato No Muos, è passato al contrattacco nei confronti del movimento», scrivono gli occupanti. Il riferimento è a quanto accaduto nei giorni scorsi, con la rimozione delle barriere poste in contrada Ulmo dagli attivisti per impedire il passaggio dei mezzi pesanti diretti alla base Usa, operata dalle forze dell'ordine, supportate da mezzi del Comune di Niscemi. Nel corso delle operazioni, come testimoniato in un video, ci sono stati anche momenti di forte tensione.

«Il sindaco non solo non ha accolto nessuna delle proposte del comitato ma ha concesso l’utilizzo di mezzi appartenenti al Comune di Niscemi per distruggere le barricate presenti in contrada Ulmo», continua la nota degli occupanti. Che spiegano così la loro decisione di continuare l'occupazione: «Solo attraverso l’azione diretta, e non tramite la delega politica, è possibile riconquistare spazi fisici e sociali, riappropriarsi di ciò che la politica ci ha sottratto. Occupiamo questo spazio nella piena convinzione che nessun dialogo è possibile con quest’amministrazione che si è dimostrata sfacciatamente pro Muos, al pari di Rosario Crocetta, non solo rimanendo inerme di fronte ai soprusi degli Stati Uniti ma addirittura compiendo un vero e proprio attacco al movimento rendendosi complice di fatto della costruzione delle antenne».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews