Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La presentazione del libro del direttore Vito Sapienza
«Una raccolta di poesie che è un documento storico»

A moderare l'evento al palazzo Bufali di Belpasso è stata la direttrice di Sestarete Valentina Mammino. Alla conduzione il direttore artistico delle radio del gruppo Rmb Fabio Formosa. Le conclusioni affidate alla direttrice di MeridioNews Claudia Campese

Redazione

Non è andata bene! É questo il titolo del libro di Vito Sapienza, il direttore responsabile del gruppo Rmb, che ieri pomeriggio è stato presentato al palazzo Bufali di Belpasso. Un libro che non è solo una raccolta di poesie ma anche un testo di narrativa che racconta una storia che ha dentro altre storie. Alcune private e altre condivise, vissute nel periodo in cui l'arrivo del coronavirus ha costretto tutti a restare chiusi in casa. Una figlia - Chiara - bloccata in Laos (nel Sudest asiatico), un amico morto a causa del Covid-19 ma anche l’arrivo della primavera, la Pasqua e il primo maggio che non poteva essere la festa dei lavoratori. A curare la prefazione del libro è stato il preside Franco Pagnotta.

«Quando un libro esce dalla tipografia, smette di essere dell’autore e diventa dei lettori», ha detto Sapienza all'inizio dell'evento che è stato moderato dalla direttrice di Sestarete Valentina Mammino e condotta dal direttore artistico delle radio del gruppo Rmb Fabio Formosa. Le poesie sono state lette dalla speaker di Radio fantastica Antonella Insabella. Mentre le conclusioni sono state affidate alla direttrice di MeridioNews Claudia Campese: «Questo libro è anche un documento storico e, oltre a delle immagini vividissime, mi sono rimaste alcune parole: speranza, resistenza, pazienza, nostalgia e ricordo».

Come quello che ha raccontato il presidente della fondazione Margherita Bufali Luciano Signorello. «Durante quel periodo di pandemia, prendevamo il caffè insieme, ognuno affacciato dal proprio balcone di casa e io non avevo idea che lui stesse già scrivendo questo libro». A farne un'analisi più tecnica è stato Nino Pulvirenti, dirigente scolastico in pensione che ha voluto partecipare all'evento mandando un videomessaggio da Monza. «Pensieri trasformati in poesie dal linguaggio semplice, essenziale e quotidiano che trasmettono emozioni ed evocano immagini - ha commentato Pulvirenti - Mi ha molto colpito l'uso dei verbi al condizionale che rimanda a un senso di speranza». 

Un sentimento che ha caratterizzato quei giorni trascorsi tra isolamento e distanziamento sociale. «Da docente di lettere, io ho conosciuto Vito Sapienza come amante della retorica - ha detto l'avvocato Concetto Ferrarotto - e, invece, i suoi versi sono asciutti. Una peculiarità tanto più apprezzabile, se si pensa che fa riferimento a un periodo pieno di banalità, che ci siamo lasciati alla spalle forse senza capirlo davvero». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×