Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gravina, slitta la consegna di piazza Libertà
Il sindaco: «Lavori rallentati da imprevisti»

Inagibile da gennaio, avrebbe dovuto essere riconsegnata lo scorso 16 luglio. Eppure il cantiere nella piazza principale del Comune del Catanese ad oggi è ancora aperto. Ad allungare i tempi sarebbero stati degli «interventi non pianificati inizialmente, ma necessari», spiega il primo cittadino Domenico Rapisarda, in risposta alla domanda di un nostro lettore che lamentava ritardi e scarsa informazione da parte dell'amministrazione. La scadenza della proroga è prevista per il prossimo 17 settembre

Federica Motta

Il rifacimento dei marciapiedi di via Etnea e parte di via Marconi e via Roma insieme al restauro di piazza della Libertà per un totale di 486.719,95 euro di spesa pubblica. E' il piano di ripristino del centro di Gravina di Catania avviato lo scorso gennaio e che avrebbe dovuto concludersi il 16 luglio. La previsione dei lavori, affidati alla ditta agrigentina IGM Srl di Favara, era infatti di consegna entro sei mesi. «Ma ad oggi - come segnalava pochi giorni fa Federico Di Cara, un lettore di CTzen residente nel comune etneo - non sono ancora stati conclusi». E nonostante si tratti di «un termine molto comodo - continua - Non si capisce perché i lavori per una piazza semplice e neanche tanto grande durino così tanto». Una mancanza di comunicazione dovuta in parte al periodo estivo e alle ferie - dei responsabili comunali e della ditta - e in parte agli imprevisti durante i lavori, come spiega a CTzen il sindaco Domenico Rapisarda.

Gravina: lavori non ancora ultimati nella piazza principale

Gravina: lavori non ancora ultimati nella piazza principale

Gravina: lavori non ancora ultimati nella piazza principale

«La ditta si è presa due settimane di ferie e ha ricominciato i lavori ieri - spiega il primo cittadino di Gravina - Ma a rallentare l'ultimazione della piazza sono stati alcuni inconvenienti sorti a cantiere aperto. E che, nello specifico, riguardano la posa dei marciapiedi in via Messina dove abbiamo dovuto rifare l'impianto elettrico e quello idrico», dice. «Non erano interventi previsti nel piano iniziale ma, quando abbiamo divelto la vecchia pavimentazione, ci siamo accorti che le radici degli alberi avevano danneggiato la rete idrica. E siamo dovuti intervenire», continua Rapisarda facendo riferimento a febbraio scorso. «D'altronde i lavori si sa quando iniziano, ma non sempre quando finiscono», dice il primo cittadino che, però, non è in grado di comunicare l'effettiva data di consegna della piazza.

«Avevamo ottenuto una proroga nella consegna del progetto con scadenza al prossimo 17 settembre», chiarisce il Marco Scalirò, geometra direttore dei lavori. «Ma siamo in attesa di una ulteriore proroga che sposterà la consegna di ancora qualche giorno», dice. Mentre su quanto gli interventi imprevisti siano costati alle casse del Comune risponde: «Stilerò un calcolo dettagliato della spesa alla fine dei lavori. Non sono ancora in grado di calcolare in che percentuale abbiano inciso sulla somma stanziata per il progetto. Ma certamente sono rientrati in quella».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×