Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Prostituzione, dalla Bulgaria finivano schiave a Catania
Vittime private dei documenti e ridotte alla fame in città

L'operazione della polizia è stata ribattezzata Bokluk, spazzatura in lingua bulgara. Così venivano considerate le giovani donne portate in Sicilia dal paese dell'Est. In un caso le vessazioni hanno riguardato anche una disabile

Redazione

Otto arresti e un obbligo di dimora. Sono le misure disposte dal gip di Catania, su richiesta della procura, nei confronti di un gruppo accusato di avere organizzato un'associazione a delinquere dedita alla tratta e alla gestione di un giro di prostituzione. I provvedimenti sono stati eseguiti dalla polizia e riguardano il 42enne Emil Milanov, la 31enne Milena Milanova, detta Miriam; Maria Kozarova, 27enne detta Zina e la 43enne Elena Angelova

Oltre loro - tutti di nazionalità bulgara - sono stati arrestati anche Massimo Corrado, 43 anni; Francesco Barbera, 50 anni; Giuseppe Caruso, 45 anni e Alessandro Santo Coco, di 31 anni. Obbligo di dimora per il 73enne A.M. Per Caruso, Coco e Angelova sono stati disposti i domiciliari.

L'indagine è partita a giugno del 2020, dopo che due donne ne hanno denunciato una terza in merito a una vicenda legata al pagamento di una sorta di canone per stare su strada a prostituirsi. Gli investigatori hanno scoperto che le giovani venivano reclutate in Bulgaria al costo di oltre seimila euro, per poi essere portate a Catania a vivere in locali fatiscenti nel quartiere San Cocimo. Qui venivano private dei documenti e sostanzialmente della libertà. Anche il cibo scarseggiava

L'associazione criminale avrebbe avuto un introito settimanale di circa 1400 euro. Importo derivante da un'attività quotidiana di prostituzione che andava dalle 19 alle 4.30 della notte. I fatti si sono svolti anche durante il lockdown. Le vittime - definite bokluk, spazzatura in lingua bulgara - venivano costantemente vessate. Tra loro anche una giovane affetta da un grave handicap. Un altro indagato, destinatario di custodia cautelare in carcere, è ancora ricercato.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×