Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sbarco Aci Castello, le parole di chi ha chiamato i soccorsi 
«Una signora piangeva e pregava, i bambini avevano freddo»

Sono arrivati in più di 80, intorno alle 2 e 30, sulla barca a vela con la scritta Hakuna Matata, che letteralmente significa Nessun Problema. Secondo il residente «i soccorsi a tutti i migranti non sono arrivati immediatamente», dice il residente a MeridioNews

Gabriele Patti

Foto di: Fabrizio D'Amelio

Foto di: Fabrizio D'Amelio

Il relitto di una barca a vela giace sugli scogli di Acicastello. Nella poppa dell'imbarcazione c'è impressa una scritta: Hakuna Matata. È il nome, comune a dire il vero a molte imbarcazioni la cui traduzione letterale è nessun problema, del mezzo nautico di fortuna che, in un mare in burrasca, ha trasportato 81 migranti di cui quattro bambini e due donne incinte di nazionalità siriana, irachena e iraniana, sbarcati sulle coste siciliane intorno alle 2 e 30 del mattino. Dopo ore di soccorsi, sul tratto di scogliera a ridosso di via Livorno sono rimasti solo i pezzi di legno andati in frantumi e l'albero maestro della barca. Nei muretti che delimitano la Nazionale ci sono ancora jeans e magliette bagnate e qualche banconota straniera. È l'epilogo di una nottata, una delle tante che poteva finire in tragedia, ma che fortunatamente pare non abbia riportato vittime: quella trascorsa da persone di tutte le età per raggiungere l'Italia. MeridioNews è riuscito a intercettare il testimone che per primo si è reso conto della situazione emergenziale e ha chiamato i soccorsi.

«Mi sono reso conto delle difficoltà della barca ad attraccare», racconta Fabrizio, un residente della zona, a MeridioNews. «Il mare era agitato - dice il giovane 30enne - non avevo idea che si trattasse di migranti ma ho capito che comunque si trattava di un'emergenza, perché c'era la tempesta». Così provvede a chiamare il 112, il numero unico per le emergenze, e si precipita sul posto a pochi metri dalla sua abitazione. «Appena sono arrivato sulla banchina - racconta - ho visto un fiume di gente in fila uno dietro l'altro». In quella che è una stretta pedana di cemento sugli scogli. «La prima cosa che mi ha colpito - prosegue Fabrizio - è stato un uomo con un bambino in braccio che mi chiedeva di chiamare la polizia urlando: "police, police"». Nel frattempo molti dei migranti provavano non senza difficoltà a uscire dell'imbarcazione ormai completamente adagiata sugli scogli. «Le urla di disperazione e le lacrime mi hanno sconvolto, non avevo mai vissuto una cosa simile», ammette il giovane. Perché, in attesa dei soccorsi, è stato Fabrizio a prestare i primi soccorsi e a fornire una felpa a un ragazzo di circa quattordici anni appena sbarcato e infreddolito. «Dopo un attimo di sbandamento ho capito che necessitavano di viveri e sono andato a casa a prendere acqua e crackers». Nel frattempo lo sbarco volgeva al termine e i migranti si sono riversati su via Livorno. In quel momento è arrivata la prima volante dei carabinieri e un'autoambulanza. «così mi sono rivolto agli operatori del 118 per gestire e razionare quello che ero riuscito a racimolare, ma non ho ottenuto molte risposte». Come a volere sottolineare una certa incapacità nella gestione dell'emergenza. 

«C'era una signora che piangeva e pregava e i bambini stavano morendo di freddo». Solo dopo due ore dallo sbarco sono arrivati ulteriori soccorsi: in totale tre ambulanze, una gazzella della guardia di finanza, un elicottero e una motovedetta della guardia costiera e tre volanti dei carabinieri. «A dire il vero, sebbene l'inerzia nel prestare il necessario aiuto a chi versava in situazioni di difficoltà - ammette Fabrizio - un carabiniere ha invitato una mamma a mettere il proprio bambino in macchina e ha accesso l'aria calda». Nel frattempo le ore, tra alcuni che zoppicavano e altri che versavano in evidente stato di agitazione, scorrevano e le lancette dell'orologio scoccavano le quattro. «Una volta assicuratomi che le persone fossero assistite, sono tornato a casa ma non dimenticherò mai quello che ho visto: l'inerzia delle forze dell'ordine e gli occhi di chi conosce davvero cosa sia la sofferenza».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×