Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Operazione Picaneddu: finisce in carcere Vincenzo Dato
Due volte latitante, è accusato di associazione mafiosa

«Appena lo prendo gli scippo la testa», diceva intercettato dalle microspie chi gestiva gli affari del gruppo devoto alla famiglia Santapaola-Ercolano, anche dai luoghi utilizzati per nascondersi dalle forze dell'ordine

Redazione

«Io appena lo prendo gli scippo la testa». Poche parole, quelle che si leggono nei brogliacci delle intercettazioni dell'operazione Picaneddu, che manifestano la violenza di Vincenzo Dato, il 45enne catanese accusato del reato di associazione di tipo mafioso, che si era dato alla fuga ma è stato bloccato ieri a Siracusa. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip del Tribunale di Catania ed è stata eseguita il 15 ottobre nei confronti di 13 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, riciclaggio, autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e procurata inosservanza di pena. L'aggravante contestata dalla procura è quella di avere agevolato il gruppo di Picanello della famiglia di Cosa nostra Santapaola Ercolano

Dato, ritenuto uno dei responsabili operativi del gruppo, era latitante dal 2017 e ricercato per un precedente reato di associazione mafiosa per cui doveva scontare una pena di quattro anni. Il 45enne, però, è scappato grazie a una rete di favoreggiatori composta anche da alcuni esponenti del gruppo di Picanello, completamente devoto alla famiglia Santapaola-Ercolano. Per anni ha continuato a gestire alcuni aspetti della vita associativa dai diversi luoghi in cui si è rifugiato, tra i quali un piccolo paese in provincia di Alessandria (in Piemonte), fino al 2018 quando viene arrestato dai carabinieri di Rieti. 

Anche venerdì, però, Dato è riuscito a fuggire. Fino a ieri, quando il ricercato è stato localizzato a Floridia (nel Siracusano) mentre viaggiava sulla strada provinciale 12, in compagnia del padre a bordo di una Fiat Panda. Alla vista dei carabinieri, il 45enne ha tentato di sfuggire urtando l’autovettura. Dopo averlo bloccato e arrestato, Dato è stato portato al carcere catanese di Bicocca. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×