Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Zafferana le donne paffute di Xu Hongfei
Tra arte, economia, vitalità e bellezza

Il Comune alle pendici del vulcano ospita per due settimane le sculture dell'artista cinese famoso per le sue chubby women. Figure femminili gioiose e spigliate nonostante le misure extralarge, che sovvertono i canoni estetici con ironia. Un'esposizione che instaura «un dialogo ed uno scambio interculturale tra l’Oriente e l’Occidente», spiega la curatrice Laura Cavallaro. Anche dal punto di vista economico, con possibili sinergie di sviluppo commerciale tra la regione del Guangdong e il versante Est dell’Etna. Guarda le foto

Perla Maria Gubernale

«È una rappresentazione coraggiosa, divertente, ironica che sfida il concetto del bello che risiede in ognuno di noi. Xu Hongfei non fa del peso del corpo l’unità di misura della bellezza ma sceglie che le “sue donne” siano, nella consapevolezza dei loro gesti, nella gioiosità delle espressioni, nella loro vitalità». Sono le chubby women, o donne paffute, scolpite dal maestro Xu Hongfei, artista originario della provincia del Guangdong, in Cina, protagoniste della personale Vulcano dell'Arte, che le vedrà esposte fino al 15 settembre nella cornice di piazza Umberto I, a Zafferana Etnea, nell'ambito della kermesse Etna in scena.

Una mostra che dà spazio al confronto e alla contaminazione tra Oriente ed Occidente, non solo dal punto di vista artistico, ma anche da quello culturale ed economico. All'esposizione, infatti, prenderà parte una delegazione di importanti personalità cinesi, tra cui lo stesso maestro Xu Hongfei, l'assessore alla cultura della città di Guangzhou, un gruppo di rappresentanti della stampa ed imprenditori cinesi, tra cui un importatore di vini, che incontreranno i colleghi locali, artisti e studenti dell’accademia di Belle Arti di Catania, per promuovere sinergie di sviluppo commerciale e culturale tra la regione del Guangdong e il versante Est dell’Etna, con i suoi prodotti enogastronomici d'eccellenza e le sue risorse turistiche. Con la possibilità di dare vita ad un progetto di marketing turistico-culturale. Spazio anche alla crescita dei giovani artisti, con il laboratorio aperto a cura della scuola di scultura dell’Accademia delle Belle arti di Catania, che prenderà il via oggi e proseguirà fino al 5 settembre. Grazie alla collaborazione con il direttore Virgilio Piccari, infatti, tre studenti, Gianluca Aresco, Piermanuel Cartalemi e Pierluigi Portale, diretti dal tutor Mario Cantarella, realizzeranno un’opera scultorea ciascuno su blocchi in pietra lavica, che saranno poi donate al Comune di Zafferana.

Ma la vera protagonista sarà l'arte sullo sfondo dell'Etna. Inaugurata ieri sera e visitabile per due settimane, la mostra propone undici sculture realizzate dell'artista cinese, raffiguranti donne extralarge a grandezza naturale - ma anche più grandi - intente a compiere attività di tutti i giorni. Azioni normali che, però, nell'immaginario dell'artista diventano straordinarie. «Lo straordinario delle sculture di Xu Hongfei sta proprio nel modo di vivere il comune», spiega la giovane storica dell'arte catanese e curatrice dell'esposizione Laura Cavallaro. «L’artista sceglie di “fermare” le donne mentre compiono azioni quotidiane che ne fanno emergere le loro molteplici caratteristiche e sfaccettature, fisiche e caratteriali, facendole quasi divenire icone». Il perché lo spiega nel suo testo critico, L’ipertrofica leggerezza dell’essere. «Se ne vanno spigliate in bicicletta, portano sostenute il loro cane a spasso non curandosi dei pensieri altrui, fanno sport appassionate e con dedizione, prorompentemente (s)coperte da abiti succinti, consapevoli della loro personalità non temono il confronto con donne slanciate e longilinee, esprimono la loro innocenza nel giocare con i bambini ma sanno anche essere amanti voluttuose che attendono con pazienza il loro compagno nelle calde sere estive e quando danzano con lui sanno regalargli una romantica ed indimenticabile emozione». Tutti questi aspetti che, secondo la curatrice, «fanno di loro delle donne fuori dall'ordinario, straordinarie appunto».

Una figura femminile imponente, lontana dagli stereotipi che danno la magrezza come modello di perfezione, ma allo stesso tempo gioviale e felice, che trasmette un'allegria contagiosa. «Xu Hongfei sovverte i canoni di bellezza - scrive la curatrice nel suo testo critico - rivoluziona i codici estetici, ironizza, ammicca, svela, annulla le distanze, conquista lo spettatore e lo fa interagire con l’opera d’arte, strappandogli un sorriso ed uno scatto fotografico». Coinvolgendo lo spettatore, che empatizza con l'opera, nonostante le rappresentazioni siano così diverse dall'immagine della tipica donna cinese. «La recente produzione artistica del Maestro Xu Hongfei è un caso isolato nel panorama artistico orientale», spiega Cavallaro. Che taglia i ponti solo apparentemente con gli schemi tradizionali dell’arte orientale. «Xu Hongfei - continua la studiosa - si esprime con delle immagini che potremmo definire “all’occidentale” ma che nella loro essenza trasmettono un equilibrio tra forma e spirito proprio dell’arte orientale e che dunque non può che testimoniare un forte legame con la tradizione e la cultura locali». E che trova la sua perfetta dimensione anche all'ombra dell'Etna. «Nel contesto etneo - conclude Cavallaro - questa mostra diviene la giusta occasione per creare un dialogo ed uno scambio interculturale tra l’Oriente e l’Occidente, due realtà estremamente diverse e lontane tra loro ma che l’arte, con il suo linguaggio universale, riesce ad avvicinare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×