Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pfizer, sit-in lavoratori contro ipotesi delocalizzazioni
«Azienda si esprima. In ballo ci sono 800 dipendenti»

Davanti la sede dello stabilimento si sono dati appuntamento le sigle sindacali. Sotto la lente d'ingrandimento le prossime mosse dell'azienda farmaceutica. La questione andrà sul tavolo della viceministra per lo Sviluppo economico. Guarda il video

Dario De Luca

Si sono dati appuntamento davanti lo stabilimento di Pfizer. Lavoratori e sigle sindacali uniti per chiedere chiarezza all'azienda farmaceutica statunitense, attiva alle pendici dell'Etna dal 1959 con un sito produttivo di 140mila metri quadrati. «Abbiamo saputo, tramite la rappresentanza sindacale unitaria che la settimana scorsa abbiamo perso la produzione per il mercato della Cina», spiega Alfio Avellino, segretario di Uiltec Catania. Sotto la lente d'ingrandimento alcuni prodotti dell'area non penicillinica, tra cui il Tygacil, antibiotico del gruppo delle glicilcicline che agisce bloccando la crescita dei batteri che provocano le infezioni. Altro farmaco che potrebbe scomparire dalle linee di produzioni è il Tazocin, anche questo utilizzato per contrastare le infezioni batteriche. 

«Vogliamo evitare sorprese», sottolinea Gerry Magno, segretario Filctem Cgil Catania. Da scongiurare «quello che è già successo con Myrmex». Il centro di ricerca tossicologica - poi dismesso - che venne ceduto dall'azienda farmaceutica americana alla società milanese guidata da Gian Luca Calvi, nipote del noto banchiere Roberto. «Attualmente in stabilimento abbiamo 800 dipendenti di cui 200 precari - spiega Giuseppe Mirabella, vice segretario Ugl Chimici Catania - Al nostro sit-in c'è un buon 30 per cento del personale. La problematica è molto grave». 

Sulla vicenda a muoversi è anche la politica con in testa il Movimento 5 stelle. Oggi davanti lo stabilimento oltre all'ex ministra della Sanità Giulia Grillo c'era la deputata pentastellata all'assemblea regionale siciliana Jose Marano. «Depositerò nelle prossime ore una richiesta di audizione alla commissione all'Ars - spiega Marano - e ho già avvisata l'ex ministra del Lavoro Nunzio Catalfo. Poi provvederemo a organizzare un incontro con la vice ministra allo Sviluppo economico Alessandra Todde». 

«Chiediamo che Pfizer si sieda attorno a un tavolo», aggiunge Enza Meli, segretaria generale di Uil. Uno degli sbocchi, già emerso nei mesi scorsi ma mai preso in considerazione, è quello che nello stabilimento etneo venga prodotto il vaccino contro il Covid-19. «Lo ribadiamo anche oggi perché c'è una richiesta mondiale del vaccino. Vogliamo che Pfizer si esprima perché i lavoratori non possono vivere sul filo del rasoio».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×