Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rotatoria Bicocca, il cantiere andrà alla Ricciardello
La fine dei lavori potrebbe slittare a inizio del 2022

Anas ha concluso di redigere il nuovo progetto per le opere non realizzate da Mit Costruttori, la ditta aggiudicataria dell'appalto che ha avuto la rescissione del contratto per inadempienze. Difficile riuscire a finire entro l'anno

Simone Olivelli

Foto di: zian fzr

Foto di: zian fzr

I morti potrebbero portare come regalo a catanesi e turisti la ripresa del cantiere allo svincolo Bicocca della tangenziale. La notizia, che trapela dalla Regione, vede l'individuazione dell'impresa che dovrà portare a compimento l'opera iniziata da Mit Costruttori e poi appesantita da numerosi stop, fino alla decisione di Anas di rescindere il contratto con la ditta adranita frenata da una situazione finanziaria per nulla rosea. A prendere in mano la situazione sarà la Ricciardello, società con sede legale a Roma ma con radici nel Messinese. L'impresa, qualche anno fa coinvolta nell'inchiesta Dama Nera sulla corruzione all'interno di Anas, è titolare di un accordo quadro con la stessa società, mentre in passato avevano subito la revoca del contratto per i lavori sulla Centrale Sicula

Stando a quanto appreso da MeridioNews, i tecnici della Ricciardello nei giorni scorsi hanno fatto i sopralluoghi in cantiere mentre Anas ha completato la redazione del progetto riguardante la parte di opere ancora da realizzare. Adesso l'attesa è per il via libera dalla sede centrale di Anas, dopo il quale si potranno avviare i mezzi e riprendere un intervento che, in origine, si preannunciava non particolarmente complicato. La cronaca, invece, dice che da quasi ormai due anni la viabilità sulla tangenziale, specialmente per coloro che devono raggiungere l'aeroporto Vincenzo Bellini, risente della chiusura dello svincolo.

«Ritengo verosimile che i lavori possano riprendere nella prima settimana di novembre», è il commento a MeridioNews dell'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. L'esponente della giunta Musumeci, la scorsa primavera, dopo un sopralluogo al cantiere, aveva sollecitato Anas a fare in modo che i lavori non subissero ulteriori rallentamenti. Falcone aveva anche fissato il termine ultimo a fine giugno, poi abbondantemente superato a causa delle problematiche che hanno visto protagonista Mit Costruttori.

Ad agosto, invece, era stata Anas a dare per possibile l'apertura della rotatoria entro il 2021. La proiezione era arrivata in seguito alla risoluzione del contratto con l'impresa aggiudicataria dell'appalto. Tale nuovo obiettivo, tuttavia, adesso potrebbe essere spostato un po' più in là. Magari a fine gennaio 2022.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×