Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un catanese nella nazionale di beach soccer
Peppe Platania: «Sono nato calciatore»

Classe 1981, è il capitano della squadra del Catania. Come tanti ragazzini è cresciuto a pane, pallone e spiaggia, ma se la passione per il calcio a 11 la considera innata, quella per il beach la scopre più tardi. Un amore nato circa dieci anni fa per caso e che gli ha dato tante soddisfazioni. Dal 2008 è convocato in nazionale fino a diventarne, l'anno scorso, vice capitano

Desirée Miranda

È il capitano del Catania, nonché il vice della nazionale italiana di calcio giocato sulla sabbia: il beach soccer. Classe 1981, il suo nome è Giuseppe Platania, Peppe per gli amici. Come ogni bravo maschietto che si rispetti è cresciuto giocando a pallone, «passando interi pomeriggi nel cortile di casa», racconta. Ma se l’amore per il calcio lo considera innato e a otto anni comincia ad allenarsi agonisticamente, quello per il beach lo scopre molto più tardi.

Travagliata sin da subito è però la sua carriera e tra allergie, setto nasale deviato e bronchite asmatica, a 11 anni deve fermarsi. Stare lontano dai campi di calcio, tuttavia, per Peppe che racconta di avere anche fatto un provino con il Milan, è impossibile, così a 14 anni torna in campo. Tesserato del Catania calcio, vince il campionato regionale del settore giovanile, poi cambia squadra. «Un periodo bellissimo - lo definisce - in cui seguivo da bordo campo le partite della prima squadra la domenica. Ricordo bene quando morì Angelo Massimino e della grande tristezza che ha lasciato». Finisce la carriera a 20 anni giocando per il Ragusa in serie D, ma tante sono le difficoltà superate pur di non lasciare il campo. Dopo quelle dell’età adolescenziale, infatti, contano anche il cuore d’atleta, un po’ più grosso del normale, problemi d’asma legati a un’asprirometria leggermente al di sotto del normale e tre volte la rottura della caviglia. Tutti elementi che non gli hanno concesso di avere il lasciapassare medico per attività agonistica, ma che però non si sono mai interposti in modo netto tra Peppe e la sua voglia di giocare. Almeno non più dopo la pausa tra gli 11 e i 14 anni. Così, privo di certificazione medica che ne attestasse la sana e robusta costituzione, ha gareggiato sotto la sua responsabilità. Poi le decisione di smettere perché «ho capito che questa non era la strada per me», dice. Da allora lavora in proprio con una ditta di distribuzione all'ingrosso di prodotti ittici e «da diversi anni - aggiunge - mi occupo anche di pattinaggio artistico. Mia moglie è una’allenatrice e io le do una mano con la preparazione atletica».

Ma il rapporto tra Peppe e il calcio non è destinato ad essere interrotto, e così, seppure su un terreno diverso, torna in campo. Passano pochi anni e nel 2004 avviene l’incontro con il beach soccer: alcuni amici gli chiedono di partecipare al primo campionato di serie A. Non era ancora ufficiale, ma riconosciuto dalla Lega l’anno successivo. «Un arrivo quasi per caso, ma decisamente gradito per me che sono cresciuto con il pallone e che da bravo catanese d’estate andavo sempre alla Playa». Un amore che dura ancora oggi e che «mi riempie di soddisfazioni». Dal 2007 è capitano del Catania beach soccer, la stessa squadra in cui ha giocato sin dall'inizio e che per lui è diventata «come una seconda famiglia». Dal 2008, a partire dal mondiale di Marsiglia, è convocato ogni anno in nazionale fino a diventarne, l’anno scorso, il vice capitano. «Sono entrambe delle soddisfazioni bellissime perché la responsabilità nei confronti dei compagni mi è sempre piaciuta e l’ho sempre ricercata – racconta – Indossare la maglia della nazionale poi, che lo dico a fare, è un grandissimo piacere».

Il passaggio dal mondo del calcio a 11 a quello sulla sabbia, però, non è così automatico come potrebbe apparire. «È decisamente un altro sport, più simile al calcio a cinque per tecnica e tattica e con qualche similitudine anche con il basket per i cambi volanti, ovvero senza interrompere la partita», spiega ancora capitan Platania. Tre i tempi di gioco da 12 minuti ciascuno, cinque i giocatori in campo e tra i 10 e 12 i giocatori in panchina. «Possono sembrare pochi 36 minuti di gara, ma giochiamo sotto il sole cocente e con una tensione continua, tanto che alla fine siamo davvero esausti», precisa.

È uno sport estivo che si gioca quando i cugini del calcio a 11 vanno in vacanza «e per questo godiamo di un po’ di visibilità durante i nostri campionati - dice Peppe - Come l’europeo di questa estate a Barcellona trasmesso su Raisport». Fa parte però di un’altra lega: quella dei dilettanti. Anche per questa ragione è uno sport molto più povero. «Abbiamo soltanto un rimborso giornaliero che comprende anche una diaria - spiega ancora il capitano del Catania soccer – non ci si vive di certo». Divergenze, infine, anche per ciò che riguarda il tesseramento dei giocatori. Per potere giocare a beach soccer, infatti, occorre essere tesserati con una società di calcio a 11 dilettantistica. «Non puoi essere un professionista e questo è un modo per tenere i ragazzi in forma dato che a beach non si gioca tutto l’anno », conclude Platania.

 

[Foto di Platania e Catania beach soccer]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews