Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Nicolosi la Commedia dell'interculturalità
Scambio tra Catania, Portogallo e Romania

Dieci giorni in cui affrontare i temi di multiculturalismo e integrazione attraverso il teatro, la danza e l'aggregazione. E' l'iniziativa che coinvolge 24 ragazzi catanesi, rumeni, portoghesi e di alcune minoranze etniche legate alle aree di provenienza, realizzata dall'Ue e organizzata dall'Arci etnea insieme a assocazioni di Lisbona e Cluj-Napoca. Al termine del progetto i partecipanti si esibiranno in una performance teatrale, «mettendosi in gioco per superare le differenze», spiega la co-organizzatrice Federica Frazzetta

Perla Maria Gubernale

Affrontare i temi del multiculturalismo e dell'integrazione attraverso il teatro, la danza, il gioco e l'aggregazione. Per confrontarsi con chi proviene da culture diverse e imparare «le buone pratiche dello stare insieme nella vita di tutti i giorni». E' l'obiettivo della Commedia dell'interculturalità, uno scambio internazionale tra giovani catanesi, portoghesi e rumeni, organizzato dall'Arci Catania insieme ad altre due associazioni: Batoto Yetu di Lisbona, in Portogallo, e Patrir di Cluj-Napoca, in Romania. Che per dieci giorni, a Nicolosi, si impegneranno in laboratori artistici – tra teatro sociale e danza afro - e ludici, per condividere spazi, storie ed esperienze. In un'ottica di incontro tra diversità, inclusione sociale e sensibilizzazione di una cittadinanza attiva.

Realizzato nell'ambito del programma Gioventù in Azione della Commissione Europea, il progetto ha preso il via ieri e proseguirà fino al 20 settembre, coinvolgendo 24 ragazzi tra i 15 e 25 anni, originari dalle tre città interessate, ma anche di minoranze culturali legate al luogo di provenienza. Per «mettere in contatto i giovani partecipanti in base alle diverse radici, ma anche dal punto di vista generazionale – spiega Federica Frazzetta di Arci Catania - Per tentare di affrontare le differenze culturali legate ad origine ed età». Il gruppo è formato da catanesi, portoghesi e romeni, ma anche da «rom e ungheresi per la Romania, africani della zona sub-sahariana per il Portogallo e magrebini per quanto riguarda Catania – continua l'organizzatrice – Le comunità più diffuse nelle diverse aree». I ragazzi che partecipano allo scambio fanno parte delle tre associazioni promotrici dell'iniziativa, «che lavorano nello stesso ambito, quello del multiculturalismo, attraverso metodi di integrazione diversi - continua Frazzetta – Arci con il teatro interculturale, Batoto Yetu con la danza afro e Patrir con altre attività di tipo ludico-sociale».

Lo scopo dell'iniziativa è affrontare i temi dell'incontro tra diversità attraverso «metodi di educazione attiva e non-formale», spiega Frazzetta. Per questo, durante lo scambio i ragazzi verranno coinvolti in laboratori di teatro sociale ed interculturale, danza africana e altre attività di gioco e aggregazione, utili a «mettere in contatto in maniera non passiva i protagonisti, superare le diversità, ed imparare, attraverso storie ed esperienze differenti, le buone pratiche del vivere in comune». Da applicare poi nella vita di tutti i giorni, «in città come la nostra, ma anche come Lisbona e Cluj-Napoca, caratterizzate da un contesto culturale vivace e variegato».

Al termine della dieci giorni di condivisione e confronto, giovedì 19 settembre alle 20.30, al Parco Comunale Anselmi di Nicolosi, i partecipanti allo scambio si cimenteranno in una performance finale di teatro e danza, aperta al pubblico e ad ingresso gratuito. «Un modo per far uscire il progetto dalle nostre quattro mura e condividerlo con il territorio», sottolinea Frazzetta. Lo spettacolo racchiuderà «il risultato dei laboratori e racconterà l'intera esperienza», nel pieno stile del teatro sociale, in cui «non c'è un copione, ma quello che viene messo in scena si fa e si arricchisce man mano con le storie e le esperienze del gruppo», sottolinea la co-organizzatrice. Con una parola d'ordine: «Mettersi in gioco per superare le diversità».

[Foto di silvia.amici]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×