Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

San Berillo, gestori di un parcheggio fanno ricorso
Sospeso il decreto del Comune che liberava l'area

A chiedere il provvedimento di occupazione d'urgenza è stata Istica, società che nel 2012 firmò la convenzione con Palazzo degli elefanti per il risanamento del quartiere. I locatari hanno un contratto fino al 2025. Il Tar si pronuncerà anche sulla gara d'appalto

Simone Olivelli

Nella travagliata vicenda del risanamento del quartiere San Berillo, che accompagna la storia di Catania da metà del secolo scorso, un nuovo granello di sabbia è finito tra gli ingranaggi del progetto. La notizia è arrivata, a metà della scorsa settimana, all'ufficio legale di Palazzo degli elefanti e riguarda la decisione del Tar di accogliere la richiesta di sospensione del decreto con cui il Comune, a settembre, ha ordinato ai titolari della ditta che gestisce un parcheggio all'angolo tra via Luigi Sturzo e via Luigi Rizzo di liberare l'area. Il provvedimento era stato emesso su richiesta della Istica, l'Istituto immobiliare di Catania a cui spetta la realizzazione del parcheggio interrato e dell'area a verde sovrastante nell'ambito della convenzione che nel 2012 fu stipulata, oltre che da Istica e dal Comune, anche dalle società Cecos e Risanamento San Berillo. Le quote della prima sono totalmente in mano alla stessa Istica, mentre Risanamento San Berillo è controllata da Tecnis, la società un tempo tesoro di Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice e poi finita al centro dell'inchiesta per la bancarotta fraudolenta.

I gestori del parcheggio, però, si sono opposti al decreto in virtù di un contratto di locazione siglato proprio con Istica che scade nel 2025. «I miei assistiti sono i primi a ritenere importante l'opera pubblica di risanamento del rione San Berillo e la loro istanza non nasce da una volontà ostruzionistica - dichiara a MeridioNews l'avvocato Fabio Greco - però ritengono ingiusto dovere liberare l'area senza preavvisi e garanzie di indennizzi, che consentirebbero loro di proseguire l'attività altrove». In realtà, nella lettera con cui il presidente del consiglio d'amministrazione di Istica Aldo Palmeri ha chiesto al Comune di emettere il decreto di occupazione d'urgenza non preordinata all'esproprio si menziona la «disponibilità a sopportare i costi per gli eventuali relativi indennizzi», ma stando a quanto sostenuto dall'avvocato Greco finora nessuna proposta sarebbe stata formulata agli affittuari.

Con l'ordinanza, il Tar ha sospeso l'efficacia del decreto del Comune, rinviando a maggio dell'anno prossimo l'udienza per la trattazione del merito del ricorso. Fino ad allora, quindi, il progetto di Istica rimanere congelato. L'Istituto immobiliare di Catania, che da qualche anno è sotto la direzione di Capital Dev - società romana già del gruppo Parnasi e oggetto degli investimenti effettuati in Italia dal magnate ceco Radovan Vitek - aveva motivato la richiesta al Comune sottolineando che «ai sensi dell'articolo 8 della convenzione (quella del 2012, ndr) tutte le opere pubbliche e di urbanizzazione vanno ultimate entro i termini previsti dalla convenzione urbanistica predetta». La stessa fissa in cinque anni dall'approvazione del progetto esecutivo il termine per la fine dei lavori. Che, nel caso del parcheggio interrato, significa il 2025, essendo stata validata la progettazione a ottobre dello scorso anno.

Ma se, sulla disputa con i locatari del piazzale da trasformare in area a verde, da Palazzo degli elefanti trapela fiducia sulla possibilità di trovare una celere soluzione, un inghippo più consistente potrebbe arrivare dal fronte della gara d'appalto. Al Tar, nei giorni scorsi, è stato discusso un ricorso condiviso da Ance Sicilia. L'associazione che riunisce i costruttori chiede l'annullamento del bando e del disciplinare di gara, che sarebbero stati viziati da elementi che «determinano l’evidente incongruità e non remuneratività della base d’asta, rendendo estremamente gravoso e difficoltoso formulare un’offerta sostenibile, remunerativa e seria».

A riguardo, a settembre MeridioNews aveva dedicato un approfondimento alla procedura di gara sottolineando come, a fronte di una base d'asta di oltre undici milioni, fossero state presentate soltanto cinque offerte. Due delle quali riconducibili alla famiglia di imprenditori Capizzi, che già hanno lavorato alla riqualificazione di corso dei Martiri, a poche centinaia di metri da dove sorgerà il parcheggio interrato. In attesa di conoscere la decisione del tribunale amministrativo, la gara va avanti: dopo l'individuazione della proposta migliore in quella delle imprese Ingegneria Costruzioni Colombrita e Consorzio Stabile Progettisti Costruttori, la commissione attende la verifica della congruità dell'offerta, dopo che la stessa è risultata anomala.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×