Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'uomo nella grotta potrebbe essere Mauro De Mauro?
Gdf: «Ipotesi al vaglio, informato il legale dei familiari»

A collegare i resti umani trovati sull'Etna al giornalista rapito nel 1970 da Cosa nostra e mai ritrovato è il particolare di una malformazione al naso e al volto. La morte dell'uomo trovato a Zafferana, però, sarebbe successiva al dicembre del 1977

Marta Silvestre

È il particolare di una malformazione al naso e al volto dell'uomo ritrovato a settembre - ma la notizia è stata confermata solo oggi - in una grotta di località Cassone, lungo la strada provinciale 92 per l’Etna nel territorio di Zafferana, a fare pensare al giornalista del quotidiano L'Ora Mauro De Mauro. Tra le piste seguite al momento dagli inquirenti, infatti, ci sarebbe anche quella che possa trattarsi del cronista rapito da Cosa nostra nel settembre del 1970, mentre tornava a casa, a Palermo, e mai più ritrovato

Il collegamento tra la scomparsa del giornalista che aveva indagato sulla morte del presidente dell'Eni Enrico Mattei e il ritrovamento dei resti umani nella grotta è stato fatto questa sera durante la trasmissione di Rai3 Chi l'ha visto?. La conferma che questa sarebbe una delle ipotesi viene dal tenente colonnello della guardia di finanza Massimiliano Pacetto che ha dichiarato di essere già in contatto con il legale della famiglia di Mauro de Mauro. «Un'ipotesi che sarà approfondita», ha confermato il tenente colonnello.

Stando a quanto emerso finora, la morte dell'uomo della grotta - che si suppone avesse un'età compresa tra i 45 e i 50 anni - dovrebbe essere datata successivamente al 1977. Di sicuro non prima, in base ad alcuni degli oggetti ritrovati accanto al cadavere: alcune monete delle vecchie lire e un pezzo di una pagina del giornale La Sicilia del dicembre del 1977. Oltre a questo, c'erano anche dei lunghi pantaloni scuri, una camicia chiara a righe, un leggero maglione di lana, una cravatta nera, una mantellina di nylon verde scuro, un cappello di lana con pon pon, degli scarponcini Pivetta numero 41, un orologio di marca Omega con cinturino e un piccolo pettine con custodia.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×